Boretto, si schianta al limite del coma etilico: denunciato

Un operaio 24enne di Scandiano che è finito contro un palo di cemento. Aveva un tasso alcolico di oltre 4 volte superiore il limite consentito: addio patente e macchina

GUASTALLA (Reggio Emilia) – E’ costato caro il dopo cena per un operaio 24enne di Scandiano che domenica notte ha fatto un incidente a Boretto e che, oltre a una serie di conseguenze a lui contestate per essersi schiantato al limite del coma etilico, si vedrà recapitare una maxi multa fino ad un massimo di oltre 10.000 euro.

Secondo quanto accertato dai militari l’uomo stava percorrendo via Libertà quando, durante la manovra di svolta in via Trieste, ha perso il controllo dell’autovettura schiantandosi contro un palo di cemento. Il giovane è uscito praticamente indenne dallo schianto (ha centrato un palo di cemento), ma si è trovato davanti i carabinieri del nucleo radiomobile della compagnia di Guastalla che l’hanno sottoposto ad alcol test e hanno rivelato un tasso alcolico abbondantemente oltre i 2,5 g/l.

Il 24enne è stato denunciato con l’accusa di guida in stato d’ebbrezza e gli è stata ritirata la patente che potrebbe essergli revocata dato che ha causato un incidente stradale con una tasso di oltre 1,5 g/l. Inoltre gli è stata sequestrata l’auto che gli verrà confiscata. Provvedimenti a cui seguirà la maxi multa penale che può arrivare ad un massimo di oltre 10.000 euro.