Via Emilia, due rapine nel giro di poche ore

Vittime due transessuali: un’ecuadoregna e un’italiana: la prima a Cella l’altra in via Emilia Ospizio. Arrestati due stranieri

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – I carabinieri hanno arrestato, con l’accusa di rapina aggravata, un guineano di 18 anni, Thierno Abdoul Bah ed il romeno Ion Tofolan 28 anni, entrambi senza fissa dimora. Questa mattina compariranno davanti al tribunale reggiano per rispondere dell’accusa a loro contestata.

Stanotte, poco dopo le 2, una pattuglia della stazione di Reggio, su input dell’operatore in servizio al 112 avvisato da un passante, è andata in Vico a Cella dove, poco prima, una transessuale ecuadoregna era stata rapinata con violenza da due malviventi che le avevano strappato la borsa e il cellulare per poi fuggire a bordo di due bici dopo averla scaraventata a terra.

I militari, dopo aver soccorso la transessuale e raccolto la testimonianze dei presenti, hanno iniziato a cercare i due rapinatori e li hanno trovati in via Fratelli Cervi, all’altezza della rotonda con via Plauto. Il guineano aveva il cellulare appena rubato alla transessuale mentre, poco lontano, su indicazione del romeno, i carabinieri hanno recuperato la borsa con tutti i documenti della transessuale che erano stati gettati durante la fuga.

Alle 4 un’altra transessuale italiana è stata  vittima di una tentata rapina: mentre camminava su via Emilia Ospizio è stata avvicinata da un uomo di colore a bordo di una bicicletta che, dopo averle dato un pugno, ha cercato di strapparle la borsetta. La vittima, grazie allo spray urticante spruzzato in faccia al malvivente, è riuscita a metterlo in fuga. Il rapinatore è attualmente ricercato dai carabinieri.

Più informazioni su