Vendeva alcol in orari vietati, commerciante sanzionato

Terzo esercente "pizzicato" a due settimane dall'ordinanza anti-alcol. Questa volta è avvenuto in via Veneri. La prossima volta rischia la chiusura. Già venti i consumatori di alcol multati

REGGIO EMILIA – Vendeva alcolici in orari proibiti dall’ordinanza anti-alcol. E’ stato coperto e sanzionato dalla Polizia municipale. Si tratta del terzo esercente “pizzicato” a due settimane dall’entrata in vigore del provvedimento anti-degrado; questa volta è avvenuto in via Veneri. L’esercente rischia, se nuovamente scoperto a vendere alcolici, la chiusura. Già venti i consumatori di alcol multati.

E’ avvenuto nel pomeriggio di ieri, martedì 8 agosto, quando una pattuglia in borghese ha controllato il territorio di via Veneri e piazzale Europa per verificare il rispetto dei provvedimenti messi in campo dal Comune di Reggio. Intorno alle ore 16 gli operatori di via Brigata Reggio hanno notato una persona che usciva da un esercizio commerciale stringendo in mano una bottiglia di vino e, una volta accertata la violazione, sono entrati in azione presentandosi al commerciante.

L’uomo ha cercato invano di giustificarsi spiegando che credeva di aver venduto una bottiglia di olio, ma lo scontrino fiscale recuperato dagli agenti non gli ha lasciato scampo. Oltre alla sanzione di 250 euro per la vendita di sostanze alcoliche in orari vietati, il commerciante ora rischia la chiusura temporanea del locale. Come previsto dall’ordinanza sindacale, infatti, una seconda violazione farebbe scattare il provvedimento della Questura.

A due settimane dell’inizio dei provvedimenti continuano serrati i controlli della Municipale su tutto il territorio interessato dalle ordinanze, nei giorni scorsi in centro storico altri due commercianti erano stati sanzionati per il mancato rispetto degli orari di chiusura. Venti sono, invece, le persone multate per il consumo di bevande alcoliche.