Meteo: nuova “allerta rossa” per temperature estreme previsioni

Persistono l’alta pressione e l’anticiclone africano. Forte umidità e temperature minime notturne sopra i 25 gradi. Al riparo solo l'appennino occidentale, ma i venti aumentano i rischi di incendi boschivi

REGGIO EMILIA – Per il terzo giorno consecutivo l’Agenzia regionale per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, sulla base dei dati previsionali del Centro funzionale Arpae Emilia-Romagna, ha emesso un’Allerta Rossa per temperature estreme e forte disagio bioclimatico. Il documento meteo ha validità per tutta la giornata di sabato 5 agosto e indica una situazione sostanzialmente stazionaria nelle successive 48 ore. Persistono l’alta pressione e l’anticiclone africano, che spinge aria calda da sud-ovest. Solo la montagna emiliana occidentale risulta al riparo. Si prevedono temperature intorno ai 38° nei capoluoghi, fino a 33° lungo la fascia costiera. Tuttavia, alcuni segnali fanno ritenere che dal pomeriggio-sera di domenica il campo di alta pressione possa attenuarsi, provocando un percettibile calo delle temperature.

Rispetto al documento di ieri, la nuova Allerta modifica varie attribuzioni del “codice colore”.
In particolare, si riduce il numero delle Sottozone colorate di Rosso (da 7 a 4: H2, F, D1 e B1), ma sono interessati tutti i territori provinciali, per complessivi 167 Comuni (erano 238 con l’Allerta precedente).
Si allarga, invece, l’attribuzione del Codice Arancione a 7 Sottozone (H1, G2, E2, D2, C2, B2 e A2, pari a 121 Comuni – erano solo 33 con l’Allerta precedente). Codice Giallo, infine, nelle sottozone E1, C1 e A1 (pari a 32 Comuni).
Nei centri urbani e nelle pianure interne, questa persistente ondata di calore può comportare gravi pericoli per le categorie a rischio. Condizioni di scarsa ventilazione, forte umidità (in crescita al pomeriggio e in serata), temperature minime notturne sopra i 25 gradi; l’assenza di recupero notturno prolunga e aggrava le condizioni di disagio e di stress per l’organismo.

E’ previsto un rinforzo di venti nell’Appennino, con il conseguente aumento dell’indice di suscettività incendi.
L’Agenzia per la Sicurezza territoriale e la Protezione civile, in stretto raccordo con Arpae Emilia-Romagna, seguirà l’evoluzione dei fenomeni; si consiglia di consultare l’Allerta e gli scenari di riferimento sulla piattaforma web: https://allertameteo.regione.emilia-romagna.it.