Il pedofilo liberato vive in un condominio pieno di bambini

Roberto Mirabile, presidente della Caramella Buona: "E’ letteralmente scandaloso"

REGGIO EMILIA – “Leggo che il pedofilo lasciato libero dal giudice si trova ora in un condominio abitato da famiglie e bambini, perdipiù non lontano dalla vittima abusata. E’ letteralmente scandaloso”. Roberto Mirabile, presidente della Caramella Buona, si dice stupefatto della notizia che il 21enne pakistano che ha abusato di un connazionale 13enne disabile sia ora a piede libero (con solo l’obbligo di firma, ndr) in un condominio vicino a bambini e famiglie.

Continua Mirabile: “Dalla “nostra” Reggio Emilia non mi aspettavo tanto: che pedofili tornino a vivere vicino alle proprie vittime, sinceramente purtroppo non mi sorprende più di tanto, perché in venti anni di Caramella Buona ne ho viste di tutti  i colori, comprese quindi alcune sorprendenti “distrazioni” dei magistrati. Ma che questo sia accaduto qui, no, mi cadono le braccia. Conosco casi di insegnanti condannati per abusi, poi tornati in classe, malgrado una legge lo vieti, di genitori abusanti lasciati a convivere coi figli. Storture comunque, bene o male, corrette una volta denunciate grazie alla stampa. Ma perché qualche giudice non si nomina tutore del nostro caro pedofilo così se lo porta a casa sua? Sarebbe una dimostrazione di coerenza, data la situazione ormai kafkiana che si è creata”.

E conclude: “Lancio l’ultimo accorato appello per la manifestazione silenziosa che si terrà giovedì alle 21 davanti al Tribunale di Reggio Emilia: saremo semplicemente cittadini indignati ma pacifici, saremo “persone per bene” col diritto/dovere di manifestare un dissenso diffuso per la malagiustizia ed esprimere solidarietà a tutte le vittime di pedofilia”.