Gavassa, banda delle ville messa in fuga dai carabinieri

Grazie alla segnalazione di un cittadino che ha chiamato il 112: recuperata un'auto rubata e un kit di strumenti da scasso

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – I carabinieri hanno intercettato dei ladri, stanotte a Gavassa, sventando dei possibili furti. Hanno inoltre recuperato un’auto rubata a Modena e un kit composto da attrezzi da scasso, indumenti da travisamento e ricetrasmittenti per le comunicazioni tra i ladri durante i furti.

I tre ladri stavano apprestandosi a colpire alcune abitazioni di Via Paracelso a Gavassa. Un cittadino che ha sentito dei rumori sospetti ha lanciato l’allarme al 112 con i carabinieri del nucleo radiomobile che sono intervenuti a sirene spianate e hanno messo in fuga i malviventi che sono stati costretti ad abbandonare l’auto in loro uso, poi risultata rubata a Modena il 22 luglio scorso, proseguendo la fuga a piedi.

I militari hanno trovato un kit costituito da strumenti da scasso (cacciaviti, piedi di porco e tenaglie), ma anche da accessori per il travisamento (cappellini di lana  e passamontagna), apparati per la comunicazione sicura durante i furti (ricetrasmittenti con auricolari), nonché varie scatole vuote in origine contenenti preziosi, probabilmente rubati durante analoghi furti magari in altre province dove, peraltro, è stata rubata l’Audi A4 che è stata recuperata dai carabinieri.

I malviventi agiscono in maniera standard: raggiungono le ville dove accedono, nella maggior parte dei casi, attraverso le finestre lasciate aperte dai proprietari che dormono all’interno. Questa notte però, poco dopo le 2, i rumori provocati dai tre malviventi, che avevano preso di mira il quartiere di Via Paracelso, sono stati sentiti da un cittadino che ha subito lanciato l’allarme.

Sull’auto i militari hanno rilevato le impronte che saranno inviate al Reparto Investigazioni Scientifiche Carabinieri di Parma per le indagini di comparazione con i soggetti pregiudicati censiti in Banca Dati.

Più informazioni su