Folle inseguimento nella notte: bandito catturato, due militari feriti

Nella zona delle piscine a Correggio. Un malvivente è stato fermato, ma tre sono riusciti a fuggire

CORREGGIO (Reggio Emilia) – Notte movimenta a Correggio dove, in via Fazzano, all’altezza della zona piscine c’è stato l’epilogo di un inseguimento dei carabinieri ad alcuni malviventi che stavano accingendosi a derubare case nella zona.

I militari li hanno intercettati e ne è nato un folle inseguimento al termine del quale un’auto dei carabinieri è stata speronata, una ladro è stato fermato e alcuni carabinieri sono rimasti feriti. Un ladro è stato fermato, ma è caccia agli tre che sono riusciti a fuggire.

Ore 11,19: I carabinieri hanno fatto il punto sul folle inseguimento nel cuore della notte. I militari reggiani sono certi: è stata intercettata la banda che da settimane gravitava nella bassa reggiana compiendo furti in abitazioni, circostanza questa che aveva visto il primo cittadino correggese incontrare l’altra sera il Comandante provinciale dell’Arma, colonnello Antonino Buda, che aveva immediatamente disposto l’intensificazione dei servizi anche con l’invio di pattuglie da altri comandi.

Il malvivente arrestato non ha posto fine alle attività dei carabinieri che da questa notte hanno scatenato nell’intera zona una vera e propria caccia all’uomo per cercare di catturare i due compici fuggiti a piedi, la cui identificazione potrebbe essere solo questione di ore. A finire in manette con l’accusa di concorso in furto aggravato e tentato furto aggravato un cittadino albanese 32enne residente a Parma.

Secondo quanto accertato dai carabinieri di Correggio e del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio, che hanno operato l’intervento, il malvivente con due compici (ora attivamente ricercati) ha prima consumato un furto in abitazione a Bagnolo in Piano poi, a bordo di una Bmw (rubata lo scorso mese di giugno a Parma),  ha raggiunto Correggio tentando altro colpo in un’abitazione di Via Falcone. Scoperti da un cittadino scavalcare la rete di recinzione del cortile, i criminali soni sono dati alla fuga in auto venendo però intercettati da una gazzella allertata dall’operatore del 112 dopo l’allarme di furto. Ne è nato l’inseguimento ad alta velocità, con la gazzella che ha affiancato l’auto dei malviventi che, per tutta risposta, hanno speronato i carabinieri:  un violento scontro ccon la Bmw che è finita nel fossato mentre l’auto dei carabinieri riusciva a bloccarsi in strada.

I tre malviventi sono  scesi e sono scappati  a piedi per le campagne: uno (l’albanese 32enne) è stato catturato mentre gli altri 2 si sono dileguati nel buio della notte. La caccia è ancora aperta.

A seguito dello speronamento i 2 carabinieri sono rimasti feriti: uno è ancora ricoverato, l’altro è stato dimesso con una prognosi di 10 giorni.

Nella Bmw sono stati  recuperati vari preziosi in oro rubati durante furti in abitazioni, svariati attrezzi da scasso (specifici per i colpi nelle case), guanti e addirittura ricetrasmittenti per le comunicazioni durante i raid ladreschi.

Secondo i carabinieri i ladri intercettati e fermati questa notte appartengono a una banda specializzata che da almeno un mese imperversava nella Bassa reggiana compiendo furti in abitazioni. Furti, quelli compiuti di recente, che avevano visto la sindaca di Correggio Ilenia Malavasi incontrare i vertici dell’Arma per chiedere più controllo del territorio.

Il sindaco al lavoro in piena notte: L’amministrazione comunale spiega che il confronto con i vertici provinciali dell’Arma “prosegue un lavoro iniziato già da mesi, grazie alla disponibilità e alla sensibilità del colonnello Buda” e “ha portato immediatamente a una risposta”. “Già durante la notte – dice il sindaco Malavasi – mi sono messa in contatto con il Colonnello, ringraziando lui e tutti suoi uomini, insieme alle altre Forze dell’Ordine presenti a Correggio, per il grande lavoro che con estrema professionalità svolgono quotidianamente. Siamo molto soddisfatti per la collaborazione con le Forze dell’Ordine che, come amministrazione, abbiamo costruito in questi mesi”.

La Lega Nord chiede una tenenza: Lega Nord di Correggio per voce del segretario Riccardo Rovesti  si è congratulata con i Carabinieri di Correggio e ha espresso auguri di pronta guarigione ai feriti: “E’ encomiabile lo sforzo di chi mette a repentaglio la propria incolumità per difendere la comunità correggese dalle continue incursioni di criminali spesso impuniti, a causa del lacunoso sistema giudiziario italiano. Le nostre forze dell’ordine sono sempre più lasciate sole  dal governo nazionale, con continui tagli di personale ed economici, che mettono in difficolta il loro prezioso lavoro e impattano gravemente sulla loro serenità”.

La Lega plaude alla Malavasi e aggiunge: “L’Amministrazione correggese devebattere i pugni sul tavolo presso il Governo dei colleghi del Ps  e farsi sentire dai ministri competenti: servono più Carabinieri e una tenenza operativa h24 sul territorio correggese. Correggio, secondo Comune della provincia, colpito da una esponenziale crescita di furti, merita un presidio continuo con un congruo numero di militari. Esortiamo poi l’Amministrazione Comunale  a incrementare il numero di telecamere di sorveglianza, che attualmente, coprono solo una porzione del territorio e a verificare puntualmente il loro funzionamento, a incrementare l’illuminazione, spesso carente, in particolare nelle frazioni e nella periferia della città”. da ultimo si chiede “di impiegare le forze di polizia Municipale in attività di sorveglianza e presidio del territorio. Data la cronica carenza di Carabinieri nel territorio correggese, riteniamo che le forze di Polizia Municipale debbano coadiuvare i militari nelle azioni di controllo” Infine si dice ottima  l’ iniziativa del controllo di vicinato di “Correggio Sicura“.