Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Dopo il caldo record, maltempo assassino: 4 vittime

I temporali ed il vento fanno vittime nell'arco alpino e sul lago di Garda. Ancora temperature record e incendi al Centro-sud.

ROMA (Italia) – Se nel reggiano il vento ha portato un minimo di refrigerio ma non la pioggia, violenti temporali hanno colpito colpendo tutto il Nord Italia provocando danni e morti. Un albero è caduto su alcune tende durante un nubifragio in Val Tramontina facendo una vittima, un belga di 41 anni, sul luogo dell’incidente per il raduno europeo della Famiglia Arcobaleno.
Anche nel bellunese, a Marziai, sulla riva del Piave, un uomo è rimasto ucciso schiacciato da un albero sradicato dal vento, che si abbattuto sui commensali che stavano partecipando ad una sagra locale. La vittima stava mangiando con una ventina di persone quando improvvisamente la zona è stata interessata da un forte vento che ha sradicato molti alberi, anche alti 10 metri. Gli altri ospiti sono riusciti a salvarsi in tempo.

E’ stato un fulmine, invece, a uccidere un escursionista sulla Marmolada in Trentino: l’uomo – Carlo Rocchi, 47 anni, di Cervia – stava facendo una ferrata con la moglie che è a sua volta rimasta ferita, ma non gravemente tanto che è stata lei – sotto shock – a chiamare i soccorsi. I due sono stati sorpresi da un forte temporale e non sono riusciti a trovare riparo. E’ intervenuto oltre al soccorso alpino che ha portato in salvo la donna, anche l’Aiut Alpin che ha recuperato la vittima: il corpo si trova ora a Canazei. Il bollettino meteo sconsigliava escursioni in quota proprio a causa dell’arrivo di temporali.

Infine una 24enne romana, Margherita Nardone, ha peso la vita precipitando per diversi metri dopo essere scivolata, durante un temporale, su un sentiero bagnato sull’Adamello.
Situazione particolarmente critica in Val Pusteria e in Val di Braies per frane e smottamenti.

Il giorno precedente proprio in Val Pusteria a causa di una “bomba d’acqua” aveva perso la vita Carla Catturani, 60 anni, medico in pensione,  travolta con la sua auto sotto una colata di detriti nella zona di Cortina d’Ampezzo.

Intanto in Friuli, al confine con la Slovenia, con buio sono state sospese le ricerche (molto difficili proprio a causa del maltempo), di Valter Del Forno, 66 anni; è disperso da sabato sera, quando  aveva partecipato a una festa in un rifugio montano.

Sul lago di Garda, nella zona di Malcesine, il vento (c’erano folate ad oltre 100 km/h) una barca a vela di tre metri e mezzo con a bordo due coniugi di Bolzano si è rovesciata: la donna è stata recuperata, mentre il marito non è più riemerso dalle acque. I sommozzatori ne stanno cercando il corpo.
Ancora caldo e incendi, invece, al Centro-sud. A fine giornata 44 le richieste di soccorso aereo ricevute dalla protezione civile. Sul Gran Sasso si continua a lottare contro le fiamme e continuano a bruciare da tre giorni le campagne nell’ennese.