Confermato il caso di Zika virus

Il Comune, in collaborazione con il Servizio di Igiene Pubblica, ha già iniziato i trattamenti di disinfestazione nei luoghi di permanenza della persona che ha contratto il virus

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – L’Usl informa che oggi è pervenuta la conferma della diagnosi di malattia da Zika virus nel viaggiatore residente nel Comune di Reggio Emilia già segnalato come caso sospetto di infezione Dengue/Chikungunya/Zika mercoledì scorso. Le condizioni della persona che ha contratto il virus sono buone e non destano preoccupazione.

La malattia da virus Zika si manifesta di solito con una sintomatologia lieve: febbre, dolori ossei e muscolari, oppure con manifestazioni cutanee che ricordano quelle da morbillo, a volte accompagnate da prurito; può però dare conseguenze gravi nel caso sia contratta in gravidanza, in questo caso il neonato potrebbe risultare affetto da disturbi neurologici e cognitivi, da microcefalia. L’infezione si può trasmettere principalmente con due modalità: tramite la puntura di zanzare tigre infette oppure in caso di rapporti sessuali con partner maschile infetto. Finora tutti i cittadini italiani che hanno contratto Zika virus si sono infettati principalmente durante un viaggio all’estero, si tratta quindi di casi importati di malattia.

Per impedire la diffusione a livello locale quando viene segnalato un caso, anche solo sospetto, vengono effettuati trattamenti di disinfestazione nell’area di 100 metri attorno ai luoghi di vita dell’ammalato, per eliminare tutte le zanzare tigre presenti. In questo modo si evita che qualche zanzara che si può essere infettata pungendo la persona malata possa poi trasmettere la malattia ad altre persone residenti in quella zona.

Il Comune di Reggio Emilia, in collaborazione con il Servizio di Igiene Pubblica, ha già iniziato i trattamenti di disinfestazione nei luoghi di permanenza della persona che ha contratto il virus, trattamenti che saranno ripetuti e completati nei prossimi giorni.

Più informazioni su