Nasconde nelle braghe smerigliatrice: arrestato ladro “superdotato”

All'Obi stacca grosso utensile dall'espositore e se lo infila dentro ai pantaloni, cercando poi di uscire senza pagare. Arrestato e processato

REGGIO EMILIA – Nemmeno Rocco Siffredi potrebbe esibire così grosse virtù. Per questo una guardia giurata del grande magazzino Obi si è insospettito quando ha visto uscire dal negozio un cliente che non aveva acquistato nulla ma aveva uno strano rigonfiamento sul davanti dei pantaloni. Chiamati i carabinieri del nucleo radiomobile, l’uomo è stato fermato e perquisito: nascondeva nelle braghe una smerigliatrice che aveva staccato dall’espositore dopo aver forzato la fascetta in ferro che l’assicurava.

Con l’accusa di furto aggravato i carabinieri hanno arrestato il moldavo Avif Donos, 54enne in Italia senza fissa dimora, portato in carcere al termine delle formalità di rito a disposizione della Procura reggiana.

E’ successo nel tardo pomeriggio di ieri all’Obi di via Ferruccio Ferrari a Reggio. Un addetto alla sicurezza intorno alle 17,30 notava un uomo aggirarsi in modo sospetto tra le corsie del negozio e soffermarsi a lungo nel reparto utensileria elettrica. Per questo motivo optava per seguirlo a distanza. In tale circostanza il vigilante notava lo sconosciuto avvicinarsi ad un espositore a parete dove era collocata una smerigliatrice angolare del valore di 60 euro che era fissata allo scaffale tramite una fascetta di ferro rivettata alle due estremità che ne impediva il prelevamento.

L’uomo con gesto rapido ha afferrato la smerigliatrice e ha iniziato a tirare con forza fino a quando un rivetto non ha ceduto. A quel punto si impossessava della smerigliatrice che infilava nei pantaloni all’altezza della zona inguinale. Con la smerigliatrice tra le gambe , goffamente si è diretto verso l’uscita , uscendo dal varco senza acquisti. Dopo aver oltrepassato le casse è stato però fermato dai carabinieri nel frattempo allertati dall’addetto alla sicurezza. Dopo averlo identificato, lo scoprivano ladro trovandogli tra le gambe la smerigliatrice… L’utensile recuperato veniva restituito al negozio mentre il fermato condotto in caserma veniva arrestato con l‘accusa di furto aggravato.  Oggi il “ladro superdotato” sarà processato per direttissima.