Gipsy jazz, swing e gastronomia: il menu di luglio della Cantina Garibaldi

Lo straordinario club di Cavriago non cessa di sorprendere anche in versione estiva, con un cartellone di nomi eccitanti e un evento per "carnivori"

CAVRIAGO (Reggio Emilia) – Proseguono gli straordinari concerti estivi proposti dalla “Cantina Garibaldi”, uno dei locali più interessanti di questa fetta di Emilia per chi ama la buona tavola e il jazz, il blues, il cantautorato e in generale la buona musica dal vivo. Dopo il gipsy jazz europeo e lo swing americano de “La banda del Pozzo”, in piazza a Cavriago martedì 11 luglio arriva con una prima assoluta “Pepper and The Jellies”, band fondata dalla giovane, ma straordinaria vocalist, Ilenia Appicciafuoco, insieme al percussionista Andrea Galiffa, il chitarrista Marco Galiffa e il contrabbassista Emiliano Macrini. Un gruppo con un repertorio che affonda nel periodo  “tradizionale” del jazz, che caratterizzò gli anni dal ’20 al ’30 del secolo scorso, affermandosi nelle maggiori città degli Stati Uniti, Chicago, New Orleans, Kansas City, New York. Ilenia ci offre bellissime pagine della vocalità jazz, con una voce che non ci fa rimpiangere le più grandi interpreti del passato, una fra tutte “l’Imperatrice del blues” Bessie Smith.

Mercoledì 12 luglio si ripeterà poi la serata “carnivora” con degustazioni di vini che già ha avuto tanto successo nei giorni scorsi; questa volta il menù alla griglia sarà ancora più ricco, ma sarà sempre imperniato sull’ottima carne di Vitellone Romagnolo Igp di “Nonno Arnaldo” di Bagno. Con 25 euro a persona si potrà assaggiare: Bresaola  e Tartare di Vitellone Romagnolo Igp (starter); arrosticini di Vitellone Romagnolo Igp;  hamburger con panini integrali del Forno Baldi (Cavriago). In abbinamento 3 calici di vino delle Cantine Oinoe a scelta dalla selezione in carta (“Una Rosa E’ ” 100% Barbera spumante rosè; “Sabitu”  Malvasia di Candia; “Virgo” Sauvignon fermo; “Pentelico”  Merlot in purezza; e “Bocanegra”  Lambrusco da Uve Maestri e Ancellotta).

I piaceri della gastronomia e quelli musicali si inconteranno ancora lunedì 17 luglio, quando la Cantina effettuerà una apertura straordinaria per ospitare il “Pier Luigi Salami Trio” capitanato dall’amatissimo pianista reggiano che vive negli States. Ritorna a Cavriago, ancora una volta, il suo Trio americano col quale ha già prodotto 2 dischi. Verrà presentato l’ultimo lavoro – “Cosmonauts” – già suonato nei migliori club di New York. Era in Italia per partecipare ad alcuni festival, e come dicono la Dani e i suoi “non manca mai di passare alla Cantina e noi facciamo volentieri un’apertura straordinaria per ospitarlo ancora una volta” per ascoltare questa incredibile fusion tra jazz tradizionale, musica minimal e ambient,  cin pennellate funky… Con lui ci saranno Martin Flower al basso e Shawn Crowder alla batteria.

Il luglio musicale della Cantina prosegue il giorno 25 luglio con il “Gajé Swing Quartet” da Bologna. Pensando a Django, porta sul palco le sonorità della Francia gitana degli anni’30 con una aggiunta di Swing: ” Raffinati ma al tempo stesso frizzanti, con quella voglia di suonare che fa battere il tempo e ti travolge ovunque, per strada principalmente dove suonano spesso come la musica Gipsy che suonano imporrebbe, in macchina, nei locali e nei festivals dove vengono invitati”. Il gruppo è composto da Elena Mirandola (violino), Francesco Cervellati (Contrabbasso) e dai chitarristi Giacomo Ferrigato e Alessandro De Lorenzi.

Per prenotazioni:  335 58 26 060 (whatsapp) e 0522 372065 (telefono).