Quantcast

Pakistano 14enne trovato in un casolare senza documenti

La polizia municipale ha prelevato il minore e lo ha affidato ai responsabili di una comunità del Reggiano

Più informazioni su

NOVELLARA (Reggio Emilia) – Un ragazzo di 14 anni di origini pakistane è stato rintracciato dalla polizia municipale della Bassa nelle campagne di Novellara nel corso di uno dei controlli del territorio effettuati al fine di monitorare la regolarità della presenza  di cittadini stranieri all’interno delle abitazioni agricole.

Il minore, privo di documenti, è stato sottoposto alle procedure di fotosegnalamento e, proprio dalle analisi delle sue impronte, gli agenti hanno potuto ricostruire parte della sua la sua storia. Soccorso da una delle tante navi che operano nel Mediterraneo, il ragazzino era stato fatto sbarcare a Otranto il 2 giugno scorso. Ha detto di aver affrontato da solo il lungo viaggio dal un villaggio al confine con l’Afghanistan fino in Libia e dal Salento, dove era stato sottoposto ai rilievi delle impronte digitali. Da lì si è allontanato, facendo perdere le proprie tracce.

Non è ancora stato possibile capire come e perché sia arrivato nella Bassa e se potesse contare sull’appoggio di qualche connazionale che gli avrebbe indicato il luogo dove poteva trovare ospitalità. Nessuno dei connazionali presenti al momento del controllo (risultati regolari) ha dichiarato di conoscerlo o di avere con il ragazzo rapporti di parentela. Per questo motivo gli agenti hanno prelevato il minore e lo hanno affidato ai responsabili di una comunità del Reggiano, avvisando nel contempo i Servizi sociali ed il Tribunale per i minorenni.

Nello stesso tempo si sono avviati controlli sul proprietario dell’immobile e sul titolare del contratto di affitto che dovranno comunque spiegare la presenza del minore in quel contesto.

Più informazioni su