Quantcast

Filmato mentre alleggerisce il conto al derubato: denunciato

Dopo il furto in auto, che gli frutta 100 euro, con il bancomat della derubata incrementa il bottino di altri 1.000 euro. Tradito dagli indebiti prelievi e dal volto troppo "noto".

BAGNOLO (Reggio Emilia) – Filmato mentre alleggerisce il conto al derubato, preso dai carabinieri. Dopo il furto in auto, che gli aveva fruttato 100 euro, con il bancomat della derubata aveva incrementato il bottino di altri 1.000 euro. Il 32enne reggiano è stato tradito dagli indebiti prelievi e dal suo volto troppo “noto” ai carabinieri che lo hanno denunciato per furto aggravato e indebito utilizzo di carta bancomat.

Lo scorso mese di marzo c’era stato un furto all’interno di un’auto parcheggiata nel cortile di un supermercato di Bagnolo da cui era sparito il portafoglio che una 60enne di Cadelbosco Sopra aveva lasciato incustodito all’interno del vano porta oggetto della sua auto. Documenti personali, un centinaio di euro: questo il bottino del malvivente che aveva poi rimpinguato con ulteriori 1.000 euro attraverso l’indebito utilizzo della carta bancomat del derubato.

Oltre al furto la pensionata aveva denunciato, come da lei successivamente appreso dall’estratto conto bancario, l’indebito utilizzo della carta bancomat posto in essere lo stesso giorno del furto per prelievi di contante pari a 1.000 euro prelevati dagli sportelli di due banche di Reggio Emilia. La tecnologia, come accade spesso in questi casi, è venuta incontro alle indagini dei carabinieri che hanno acquisito le immagini del sistema di videosorveglianza dei bancomat analizzando i filmati negli orari del prelievo.

Una prima importante svolta alle indagini seguita da una fortunosa coincidenza: i filmati visionati dai militari negli orari degli indebiti prelievi ritraevano il volto di un 32enne reggiano immediatamente riconosciuto in quanto noto ai carabinieri. La fedina penale “sporca” ha giocato quindi a sfavore del ladruncolo, cosa praticamente impossibile se l’uomo fosse stato incensurato. Una volta identificato il 32enne è stato denunciato.