Quantcast

Usura al 240%, arrestato anziano “disoccupato”

Non avrebbe lavoro, in realtà è la seconda volta in un anno che finisce nei guai con l'accusa di essere uno strozzino. Gennaro Musella è accusato di usura e tentata estorsione

REGGIO EMILIA – Era stato arrestato il 20 maggio 2016, a distanza di un anno è di nuovo finito nei guai Gennaro Musella, 61 anni, accusato di essere un usuraio. Il Giudice delle indagini preliminari ne ha disposto gli arresti domiciliari per estorsione e usura. Secondo le indagini condotte dalla Squadra mobile, nel 2013 avrebbe prestato 2mila euro a una coppia di Reggio Emilia, applicando un tasso di interesse del 240%. Secondo la polizia l’uomo minacciava i due: “Se non pagate ora, pagherete una volta per sempre”

Lo scorso anno Musella – di origine campana, apparentemente disoccupato – era stato arrestato con l’accusa di aver prestato 8mila euro ad un commerciante in prodotti alimentari in difficoltà; anche in quel caso l’interesse era elevatissimo, tant’è che le rate mensili di rimborso erano di 800 euro.

Il questore Isabella Fusiello, illustrando alla stampa l’indagine, ha invitato i cittadini che sono in questo tunnel a fidarsi delle forze dell’ordine e a denunciare gli strozzini