Reggio Children, crescono utile e fatturato

Attivo di 125mila euro per la srl, che quest'anno ha corrisposto oltre 500 mila euro ai Nidi e Scuole dell'infanzia. Claudia Giudici, presidente srl: “Risultato positivo che può essere ulteriormente incrementato”

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il bilancio 2016 di Reggio Children srl si chiude con un utile di 125.071 euro, + 40 % rispetto all’anno passato; il fatturato e il valore della produzione crescono del 5%, la marginalità del 2%, migliorando così il previsionale, che prevedeva un anno di consolidamento. Un risultato economico raggiunto dopo avere corrisposto all’Istituzione Scuole e Nidi d’Infanzia oltre 500mila euro (+ 10% rispetto al 2015 e + 40% rispetto al 2014) per le attività regolate da Convenzione e per le ulteriori collaborazioni. Dalla sua nascita ad oggi, Reggio Children srl ha trasferito ai nidi e alle scuola dell’infanzia di Reggio oltre 4.500.000 euro.

Nel 2016 – come ha spiegato la presidente Claudia Giudici all’assemblea dei soci – si sono sviluppate tutte le attività di Reggio Children. Incrementate e qualificate le proposte formative per le migliaia di persone che, da tutto il mondo, vengono ad approfondire il Reggio Emilia Approach: nel 2016 si sono svolti a Reggio 24 Study Group (8 nel 2000, 13 nel 2007, 20 nel 2015) per un totale di 4.500 persone, cui si vanno ad aggiungere le visite di un solo giorno al Centro Internazionale Loris Malaguzzi (884 persone nel 2014, 1.341 nel 2015, 2.029 nel 2016). Si è ampliata la richiesta di partecipazione a conferenze, seminari, workshop all’estero: le iniziative sono state 58 in 24 Paesi diversi e hanno coinvolto 20.000 persone, il doppio rispetto all’anno passato. E’ aumentato il numero dei Paesi entrati in relazione con Reggio, che oggi sono 142 (103 nel 2008 e 110 nel 2011).

Il 2016 è stato anche l’anno nel quale si sono generate nuove richieste di percorsi di formazione pluriennali da parte di altri Paesi, che vedranno l’avvio nell’anno scolastico 2017 – 2018, sviluppati con soggetti del network internazionali e con università straniere. In ambito internazionale, tra le tante, si è consolidata la relazione con la Fondazione cinese Soong Ching Ling Jiangxi Province, che ha portato a vari incontri e percorsi di formazioni in Italia e in Cina e all’esposizione nel 2017 della mostra Lo Stupore del Vonoscere, che ha iniziato il suo tour a Shangai e toccherà nuove e importanti città della Cinas (tra cui Pechino e Nanchino); la Scuola Italiana di Ambasciata a Pechino, al suo secondo anno di apertura, ha visto aumentare il numero degli iscritti e un ampliamento della struttura, le mostre Lo Stupore del Conoscere e I Cento linguaggi dei bambini continuano a girare il mondo, si è avviato il processo di riconfigurazione del Network internazionale di Reggio Children, per rafforzare la diffusione e la tutela del Reggio Emilia Approach nel mondo. L’editoria di Reggio Children ha pubblicato, quest’anno, 4 titoli (di cui uno in lingua araba e tre in lingua spagnola),

In ambito nazionale, si è registrato un incremento dei progetti di formazione realizzati sia a Reggio, sia sul territorio nazionale, con un aumento delle persone coinvolte e delle richieste, i progetti di formazione che riguardano soggetti pubblici e privati sono passati da 13 nel 2015 a 19 nel 2016.

In ambito locale, oltre all’aumento di contribuzione a Nidi e Scuole, buone notizie anche dai numeri dei partecipanti agli Atelier Cittadini al Centro Internazionale: 5.700 quest’anno, tra famiglie, gruppi, scolaresche, vanno bene anche le aperture domenicali del Centro Internazionale che, tramite “Bambini al Centro”, hanno portato 2.500 persone nelle 9 giornate di apertura, tra domeniche e eventi straordinari). Si conferma il trend di crescita del pubblico al Centro Internazionale, passando da 85.000 presenze del 2015 a 110.000 del 2016. “Credo che l’anno che si è concluso – ha detto la presidente Claudia Giudici nella relazione di bilancio – sia stato un anno molto importante per Reggio Children srl: abbiamo creato valore e prodotto un indotto culturale ed economico per la città e per il mondo, promuovendo e valorizzando il Reggio Emilia Approach. Tutto questo può essere ulteriormente incrementato. Il programma a breve termine più rilevante è la presentazione e l’attuazione del Piano Stretegico del “Sistema Reggio Children” (per definire ambiti e competenze di Istituzione Scuole e Nidi, Reggio Children srl e Fondazione Reggio Children”) e quello specifico della Società che nel primo si iscrive”.

“Un consuntivo 2016 molto positivo che, in continuità con la precedente gestione, mostra una società in crescita sia in termini economici che in termini di capacità progettuali – ha commentato l’assessore all’educazione Raffaella Curioni – Promuovere la centralità educativa nelle politiche pubbliche, promuovere l’internazionalizzazione e il dialogo tra culture, diffondere il Reggio Emilia Approach nel mondo, queste le finalità della srl Reggio Children che, in stretta collaborazione con la Fondazione Reggio Children e con l’Istituzione Scuole e Nidi dovrà sapere cogliere nel futuro le innovazioni del ruolo politico e sociale che può avere l’educazione nella società contemporanea. Una sfida non facile, ma alla quale siamo certi che il sistema educativo reggiano saprà lavorare con impegno e passione. Un ringraziamento al consiglio di amministrazione e a tutto il personale”.

Più informazioni su