Ragazzino rapina l’Oviesse in centro

Diciassettende ruba capi di abbigliamento poi scappa. Fermato dall'adetto alla sicurezza, cerca di sfuggirgli con la violenza. Ora è in carcere

REGGIO EMILIA – Furto si trasforma in rapina dopo che un marocchino di 17 anni ha rubato all’Oviesse e poi ha cercato si scappare picchiando il vigilante. Il ragazzino (che abita in città), preso in consegna dai carabinieri del nucleo radiomobile, è stato arrestato con l’accusa di rapina impropria; ora si trova in carcere, a disposizione della Procura presso il Tribunale per i minorenni di Bologna.

E’ accaduto venerdì intorno alle 15,30 quando il 17enne, che si trovava all’interno della Oviesse, è stato notato impossessarsi di capi d’abbigliamento, una decina di t-shirt per un valore di circa 80 euro. Mentre usciva dal negozio è stato invitato a fermarsi dall’addetto alla sicurezza e ad aspettare i carabinieri. Per tutta risposta il minorenne è scappato verso l’uscita, fuggendo poi lungo la via Emilia San Pietro e per le vie del centro storico inseguito dall’uomo: quando è stato raggiunto ha avuto una reazione aggressiva e ha spintonato con violenza l’uomo per cercare di divincolarsi e proseguire la fuga. All’arrivo dei carabinieri, il minore veniva è stato preso in consegna dai militari.
Alla luce dei fatti la refurtiva veniva restituita al negozio mentre il 17enne marocchino veniva condotto in caserma ed arrestato con l’accusa di rapina impropria.