L’idea: botti di aceto balsamico negli asili più belli del mondo

Al Malaguzzi si pensa a un progetto per fare partecipare i bambini alla produzione dell'oro nero

REGGIO EMILIA – Un aceto balsamico prodotto al Malaguzzi per fare sì che i bambini dell’asilo possano prendere confidenza e contribuire nella lavorazione dell’oro nero che si produce fra Reggio e Modena.

Un’esperienza straordinaria, a livello personale e sensoriale per i più piccoli, che è stata proposta nel novembre scorso dal Consorzio dell’aceto balsamico di Reggio e accolta con favore da Reggio Children che ora sta valutando come realizzarla.

Claudia Giudici, presidente di Reggio Children, conferma a Reggio Sera: “L’iniziativa del consorzio è un’ipotesi sulla quale ragionare e che ci è parsa molto interessante. Stiamo verificando la possibilità di realizzarla. Sarebbe molto interessante. Tutto è nato dall’incontro che hanno fatto qui nel novembre scorso. La difficoltà è legata al tipo di interventi che servono per portare le botti nel nostro solaio, dato che poi quegli spazi devono essere abitabili visto che i bambini devono poterci entrare”.

Consorzio e Reggio Children, insomma, ci stanno lavorando e chissà che nel giro di qualche anno, negli asili più belli del mondo, non possa nascere anche l’aceto balsamico più buono del mondo.