Furti ai danni di donne anziane: preso scippatore seriale foto

I carabinieri di Castelnovo Sotto hanno identificato il malvivente che tra marzo e aprile ha compiuto una serie di furti violenti in paese

CASTELNOVO SOTTO (Reggio Emilia) – Le sue vittime preferite erano donne anziane in sella a bici con nel cestino le borsette. Una volta scelta la vittima, inseguiva in bici le vittime per poi colpire in zone isolate. Assicuratosi dell’assenza di testimoni, raggiungeva le vittima impossessandosi delle borse. A scoprirlo i carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto che grazie all’eccezionale connubio tra le indagini tradizionali e la tecnologia, in questo casa assicurata dal sistema di videosorveglianza comunale, hanno identificato in un 23enne l’autore di una serie di scippi compiuti ai danni di anziane del paese.

Con l’accusa di furto aggravato e continuato i carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto (RE) hanno denunciato alla Procura reggiana un 23enne disoccupato abitante a Castelnovo Sotto. Stando alle risultanze investigative sarebbe lui l’autore dei furti in fotocopia compiuti il 2o ed il 30 marzo scorsi nonché il successivo 3 aprile ai danni di 3 donne anziane del paese a cui il malvivente ha strappato le rispettive borse che le tre vittime avevano lasciato nei cestini delle biciclette che conducevano.

Secondo quanto documentato anche dal sistema di videosorveglianza comunale lo scippatore seriale agiva in maniera standard: sceglieva attentamente le vittime, sempre donne anziane in bicicletta con le borse nei cestini, che seguiva per il paese per poi agire quando riteneva che nessuno potesse vederlo. Raggiungeva le vittime impossessandosi delle borse per poi dileguarsi. Non ha fatto i conti con l’occhio del “grande fratello” comunale che ha immortalato le sue azione delittuosa. I militari acquisite le immagini che lo riprendevano hanno predisposto i dovuti servizi che hanno portato a fermare e identificare lo scippatore seriale. E’ stato fermato guarda caso in sella ad una bicicletta con gli stessi capi d’abbigliamento che indossava  in occasione dell’ultimo colpo. Condotto in caserma, essendo trascorsa la flagranza di reato, è stato denunciato per il reato di furto aggravato e continuato.