Crisi coop, il M5S: “Governo si muova per salvare risparmi soci”

Interrogazione alla Camera della deputata Spadoni: "In fumo 70 milioni, serve un fondo ad hoc"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Quali iniziative intenda assumere il governo per porre rimedio alla situazione dei risparmiatori” delle cooperative reggiane fallite e, in particolare, “se si intendano assumere iniziative per istituire, proprio come chiedono i soci, un fondo che li risarcisca”.

Sono le domande rivolte ai ministri dello Sviluppo economico e del Lavoro dal gruppo del M5s alla Camera, in un’interrogazione a prima firma della deputata reggiana Maria Edera Spadoni. L’atto ispettivo segue la manifestazione del 18 maggio scorso a Montecitorio, promossa da Federconsumatori, per testimoniare la gravita’ della situazione di chi ha perso risparmi, lavoro e casa.

Nell’interrogazione i pentastellati osservano che, per quanto riguarda Reggio Emilia, Unieco, Coopsette, Cmr, Orion sono crollate sotto il peso di 1,5 miliardi, mandando in fumo almeno 70 milioni di prestito sociale. “Un gorgo – continuano i palamentari del Movimento – che ha inghiottito 1.500 posti di lavoro”.

Infine i 5 stelle sottolineano che “queste quattro cooperative, che sono state la fucina della classe dirigente locale, hanno visto al comando uomini di partito passati dagli enti locali alla attivita’ all’interno delle cooperative”, rappresentando “colossi di un modello che non ha retto la complessita’ contemporanea, mostrando, nell’attuale dissesto, la propria inadeguatezza”.

Più informazioni su