Boretto, minaccia il figlio con il coltello: denunciato

Il 63enne disoccupato siciliano lo ha minacciato perché non voleva dargli i soldi per comprare le sigarette

BORETTO (Reggio Emilia) – Rapporti familiari a dir poco burrascosi quella un padre ed il figlio abitanti a Boretto. Scatti d’ira, culminati addirittura con gravi minacce che hanno visto l’intervento dei carabinieri della stazione locale che hanno denunciato un 63enne siciliano.

Un’assurda vicenda che racconta l’ennesimo episodio di lite in famiglia avvenuto nel reggiano dove, solo l’anno scorso, i militari hanno effettuato 1.800 interventi con una media di 5 liti familiari al giorno. Quest’ultimo episodio è nato in seguito alla pretesa di un 63enne disoccupato di aver i soldi dal figlio per comprare le sigarette. L’impossibilità del ragazzo a dare i soldi al padre ha visto quest’ultimo andare su tutte le furie.

Dalle parole si è passati presto ai fatti con il 63enne che ha tirato fuori un coltellino minacciando il figlio che per tutta risposta, con l’intento di disarmare il padre gli ha scagliato contro la bicicletta. Nel frattempo la segnalazione dell’accesa lite è arrivata ai carabinieri di Boretto che, giunti nel cortile, hanno trovato i due congiunti intenti a litigare.

Il padre, che prima dell’arrivo dei carabinieri si era disfatto del coltellino, accusava il figlio di avergli lanciato la bicicletta. I militari però hanno setacciato la zona e hanno trovato in una siepe il coltellino usato dal 63enne per minacciare il figlio che è stato sequestrato. L’uomo invece, al termine degli accertamenti, sia per le dichiarazioni del figlio che per le dichiarazioni di alcuni testimoni, è stato denunciato per minaccia aggravata e porto abusivo di armi.