Aziende, nuovo bando per alternanza scuola-lavoro

Da Camera di commercio 200mila euro per aziende che sono pronte a tirocinii

REGGIO EMILIA – E’ di 200.000 euro il nuovo contributo messo a disposizione dalla Camera di commercio di Reggio Emilia per le imprese che sostengono i giovani nei percorsi di alternanza scuola-lavoro. Per accedervi si puo’ fare domanda dal 22 maggio fino al 31 agosto prossimi (tutte le informazioni sono disponibili sul sito www.re.camcom.gov.it).

“Si tratta- sottolinea il presidente dell’ente camerale, Stefano Landi- di una grande opportunita’ per i ragazzi degli istituti superiori, che possono cosi’ avvicinarsi alle imprese, viverne il lavoro quotidiano ed acquisire, in tal modo, esperienze utili sia alla prosecuzione degli studi che ad un piu’ rapido inserimento nel mondo del lavoro”. Con “questo intervento- prosegue Landi- agiamo concretamente anche rispetto ad alcuni limiti denunciati da questi percorsi, ovvero i costi che le imprese sono chiamate a sostenere per far si’ che l’esperienza di alternanza scuola-lavoro sia davvero utile, offrendo ai giovani mansioni corrispondenti ai loro profili e alle loro attese”.

Il bando prevede in particolare una modulazione economica differente a seconda del numero di studenti ospitati: 600 euro per l’impresa che coinvolge in percorsi di alternanza da 1 a 3 studenti e 1.100 euro per il coinvolgimento di 4 o piu’ studenti. “La recente riforma delle Camere di Commercio- sottolinea Landi- ha rafforzato alcune leve di competitivita’ fondamentali per le nostre imprese, come i servizi di orientamento al lavoro e alle professioni, attribuendo all’ente nuove competenze e funzioni da svolgere in collaborazione con le istituzioni e i diversi soggetti al servizio del territorio”.

Proprio per questo, conclude il presidente della Camera di Commercio, “il nostro obiettivo e’ quello di diventare un punto di riferimento per le aziende, le associazioni, le scuole e per gli operatori dei sistemi di formazione e istruzione, sfruttando tutti gli strumenti e i servizi che abbiamo a disposizione in tema di inserimento dei giovani nel mondo del lavoro”.