Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Vaccini, il commissario Ue all’Italia: “Vergognatevi”

Andriukaitis su Twitter: deplorevole epidemia morbillo in Italia. Gli Usa: Italia in viaggi a rischio per il morbillo. Iss, superati i 1000 casi di morbillo in Italia dall'inizio del 2017

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Nei giornali di oggi: epidemia di morbillo in Italia, prima morte per morbillo in Portogallo e aumento dei casi di morbillo in Germania. Deplorevole. Vergognatevi anti-vaccino!”: così su Twitter il commissario Ue alla salute Vytenis Andriukaitis.

Gli Usa: Italia in viaggi a rischio per il morbillo
L’Italia e’ entrata nell’elenco dei Paesi ‘a rischio salute’ per gli americani che intendono viaggiare all’estero, a causa dei focolai epidemici di morbillo. I Centri per il controllo e la prevenzione delle malattie di Atlanta hanno emesso una nota in cui si invitano i cittadini in partenza per il Belpaese a prendere misure precauzionali: assicurarsi di essere vaccinati contro il morbillo o vaccinarsi; lavarsi spesso le mani; evitare di toccarsi il volto prima di lavarsi le mani.

I Cdc consigliano inoltre ai cittadini americani di evitare contatti fisici con persone che potrebbero essere malate. Gli altri Paesi Ue inseriti nel nuovo elenco delle nazioni a rischio morbillo sono Germania e Belgio. L’unico altro nuovo allerta nella comunicazione degli esperti sanitari del governo Usa riguarda il Brasile per la febbre gialla.

Iss, superati i 1000 casi di morbillo in Italia dall’inizio del 2017
Da inizio anno sono già stati superati i mille casi di morbillo in Italia, mentre in tutto il 2016 erano stati 844. E’ il dato dell’ultimo bollettino dell’ Istituto superiore di sanità, secondo cui nel 33% dei casi si è avuta almeno una complicanza, nel 41% un ricovero e nel 14% un accesso al Pronto Soccorso. Ci sono stati 113 casi tra gli operatori sanitari. Il 90% di tutti i colpiti non era vaccinato, a conferma delle preoccupazioni degli esperti sul calo delle vaccinazioni.

Il sistema di sorveglianza dell’Iss ha censito esattamente 1010 casi fino al 26 marzo. L’età media dei pazienti è 27 anni, con il 57% dei casi che si è verificato nella fascia 15-39 anni, mentre il 6% si è avuto nei bimbi al di sotto di un anno, ancora troppo piccoli per il vaccino. Fra le complicanze le più frequenti sono risultate diarrea (21,1%) e stomatite (17,3%), mentre si sono avuti anche trombocitopenia, ovvero un calo delle piastrine nel sangue (5%), convulsioni (0,4%) ed encefaliti (0,1%). L’allarme sull’epidemia di morbillo, attribuita soprattutto al calo delle vaccinazioni, era stato lanciato poche settimane fa dal ministero della Salute, sulla base dei dati del solo gennaio che già facevano presagire una stagione con un numero di casi particolarmente alto. Proprio ieri l’ufficio europeo dell’Oms ha sottolineato che 14 paesi nel continente, tra cui l’Italia, hanno ancora la malattia endemica, mentre 53 l’hanno eliminata.

“L’aumento dei casi di morbillo conferma l’allarme. Fondamentale e urgente l’applicazione del nuovo piano vaccini”. Lo afferma in un tweet il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, commentando il dato del superamento dei 1000 casi di morbillo in Italia dall’inizio dell’anno. Nonostante il Piano di eliminazione del morbillo sia partito nel 2005 e la vaccinazione contro il morbillo sia tra quelle fortemente raccomandate e gratuite, nel 2015 la copertura vaccinale contro il morbillo nei bambini a 24 mesi è stata dell’85,3% (con il valore più basso pari al 68% registrato nella PA di Bolzano e quello più alto in Lombardia con il 92,3%), ancora lontana dal 95% che è il valore soglia necessario ad arrestare la circolazione del virus nella popolazione. Il nuovo Piano Nazionale di Prevenzione Vaccinale 2017-19 prevede la vaccinazione contro il morbillo al secondo anno di vita e si propone di innalzare gli obiettivi di copertura per raggiungere in Italia lo stato ‘morbillo-free’.

Più informazioni su