Spacciatore al bar tradito dal nervosismo

Quarantenne di Gualtieri denunciato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio dai carabinieri

GUALTIERI (Reggio Emilia) – Ci vuole “un fisico bestiale”, o meglio una faccia tosta “bestiale”. Se si vuole intraprendere la carriera criminale ci vuole sangue freddo. Se però la coscienza rimorde oppure se si è alterati da qualche sostanza, non è difficile farsi prendere dal nervosismo e dall’ansia.  Se poi si vuole fare gli spacciatori in un paese con poche migliaia di abitanti, dove tutti conoscono tutti, e dove i malviventi sono pochi, la possibilità di essere sottoposti ad un controllo da parte delle forze dell’ordine – carabinieri in particolare – si moltiplicano. E’ così che un 40enne di Gualtieri è stato denunciato per detenzione di stupefacenti a fini di spaccio. L’uomo, disoccupato, è stato fermato dai carabinieri per un controllo all’esterno di un bar e è apparso visibilmente preoccupato. Uno stato d’animo che ha insospettito i militari che hanno deciso di approfondire i controlli. I militari non si sono sbagliati: l’uomo è  stato trovato in possesso di alcune dosi di hascisc, che nascondeva in un pacchetto di sigarette.

L’uomo è stato condotto in caserma. La successiva perquisizione eseguita nella sua abitazione ha portato al rinvenimento di altro hascisc, alcuni grammi di cocaina, un centinaio di semi di marjuana e il classico materiale per la pesatura ed il confezionamento delle dosi: un bilancino di precisione e bustine trasparenti solitamente utilizzate per confezionare le dosi.

Il quarantenne è stato denunciato alla Procura della Repubblica per il reato di detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti.