Medials-La Bussola, fumata nera: stop agli spettacoli nel Lime Theater

Bertolotti: "Per quel che ci riguarda, il concerto dei Baustelle l'8 aprile non si può tenere qui perché non c'è nessun contratto firmato". Medials live: "Gli eventi sono e saranno confermati"

REGGIO EMILIA – “Per quel che ci riguarda il concerto con i Baustelle non si può fare l’otto di aprile nel capannone dell’ente fiere perché non c’è ancora un contratto firmato con la Medials”. Lo dice a Reggio Sera il responsabile del progetto Fiere, per conto della cooperativa La Bussola, Marco Bertolotti. Che aggiunge: “Sono tre mesi che discutiamo con loro e non si riesce a raggiungere nessun accordo. Allo stato attuale il concerto non si può tenere, a meno che non ci sia un accordo nei prossimi giorni”.

Stamattina, nel padiglione, si è tenuto un sopralluogo, richiesto dal liquidatore giudiziale Tiziana Volta e dal liquidatore civile Astro Mondadori per fare il punto della situazione. Dice Bertolotti: “Volevamo fare il punto perché, da quando la struttura del teatro era stata smontata, peraltro a spese nostre, il padiglione era sempre stato impegnato in manifestazioni”.

Oltre a Volta e Mondadori, erano presenti il perito incaricato dalla procedura, il geometra Pietro Barigazzi, l’ex direttore della società Fieremilia, l’ingegner Enrico Banfi, il Presidente de La Bussola Giordano Rodolfi e il responsabile del progetto Fiere per conto della cooperativa La Bussola Marco Bertolotti. C’erano anche, per contro del gruppo Medials/Meglioli, i collaboratori di Medials Marco Praudi e Marco Iori.

Scrive La Bussola: “Il sopralluogo ha portato a una compiuta verifica dello stato del Padiglione D, liberato dalla società del gruppo Medials nelle settimane scorse. Ci preme evidenziare che alla data odierna non esiste alcun contratto condiviso firmato congiuntamente dal gestore degli spazi fieristici cooperativa La Bussola e società del gruppo che fa capo a Roberto Meglioli, rispetto ad alcun evento programmato e/o pubblicizzato”.

Che aggiunge: “Nelle ultime settimane, anche alla luce degli auspici provenienti dalla cittadinanza, si sono svolti nella sede de La Bussola incontri con Roberto Meglioli al fine di raggiungere un accordo che si sarebbe dovuto tradurre in un contratto condiviso a tutela di tutti e non nella proposta contrattuale unilaterale di un singolo soggetto, evitando spiacevoli situazioni verificate nel passato di cui la scrivente cooperativa si è trovata ad affrontare suo malgrado”.

Conclude la cooperativa: “Purtroppo Meglioli ad oggi non ha sottoscritto il contratto – a tutela di tutti – sottopostogli da parte de La Bussola al fine di dar vita a un rapporto ex novo che potesse permettere lo svolgimento delle manifestazioni proposte dal signor Meglioli nel Padiglione D. Quindinon è possibile dar corso ad alcuna autorizzazione all’avvio del cantiere relativo agli eventi ipotizzati, mancando le garanzie necessarie e quindi la possibilità di predisporre la documentazione indispensabile. Pur auspicando lo svolgimento di manifestazioni culturali che possono rappresentare un arricchimento per la cittadinanza, esse possono avvenire solo a seguito del raggiungimento della sottoscrizione di un contratto condiviso che ad oggi non è stato perfezionato”.

Medials live: “Gli eventi sono e saranno confermati”
In tarda serata è arrivata una nota di Medials live in cui si legge: “Abbiamo appreso a mezzo stampa di una posizione di chiusura de La Bussola scrl. Per quanto ci riguarda gli eventi sono e saranno confermati e gli accordi negoziati e discussi, sono e saranno vigenti. Dobbiamo ammettere di aver ricevuto da La Bussola scrl/Rodolfi una proposta unilaterale di contratto per gli eventi di aprile, che invitiamo La Bussola a rendere pubblico”.