Ladro intercettato mentre si disfa della refurtiva

Visto mentre getta nel cassonetto il portafoglio che aveva rubato da una casa. Giovane di Castelnovo Sotto denunciato dai carabinieri

CASTELNOVO SOTTO (Reggio Emilia) – Dopo aver forzato la serratura si è infilato nell’abitazione di un agricoltore impegnato a lavorare nei campi e, dopo aver messo a soqquadro gli ambienti, ha rubato un portafoglio contenente 200 euro in contanti e i documenti della vittima. Un furto destinato a finire nei meandri dei casi irrisolti se non fosse stata per la preziosa testimonianza di un uomo, insospettito nel vedere un giovane gettare nel cassonetto della spazzatura un portafoglio. Quel portafoglio, come accertato dai carabinieri di Castelnovo Sotto che hanno condotto le indagini, è risultato essere quello asportato dall’abitazione di un agricoltore 60enne del paese.

L’autore del furto, grazie alla descrizione fornita dal prezioso testimone, è risultato essere un 28enne pregiudicato del paese ben noto ai carabinieri della stazione di Castelnovo Sotto. Ai militari è bastata la semplice descrizione ma dettagliata descrizione fornita dal testimone per indirizzare le attenzioni investigative sul giovane pregiudicato a carico del quale i carabinieri hanno poi acquisito una serie di riscontri che lo indicano essere l’autore del furto consumato nell’abitazione dell’agricoltore reggiano.

Secondo la ricostruzione investigativa il 19enne approfittando del fatto che il proprietario di casa si trovasse sul trattore intento a lavorare per i campi, dopo aver forzato un accesso si è introdotto furtivamente nell’abitazione mettendo a soqquadro gli ambienti per poi dileguarsi con il portafoglio del proprietario. Fermatosi poco lontano, dopo aver preso i 200 euro, si è disfatto del portafoglio gettandolo in un cassonetto della spazzatura. Un passante lo ha visto e l’ha riferito ai carabinieri del paese, nel frattempo intervenuti presso l’abitazione del 60enne che, accortosi di essere stato derubato, aveva chiamato il 112.

Una preziosa testimonianza per l’appunto in quanto grazie alla descrizione fornita i carabinieri sono risaliti al ladro che quindi veniva denunciato alla Procura reggiana con l’accusa di furto aggravato.