Violenza sessuale e minacce a ragazzino, indagati due bulli

La vittima ha 10 anni, è stata la madre ad accorgersi che stava male a causa delle persecuzioni e delle prepotenze di 17enni

BORETTO (Reggio Emilia) – Molestano e perseguitano un ragazzino di 10 anni, indagati due bulli per violenza sessuale. E’ avvenuto a Boretto, dove i carabinieri hanno raccolto la denuncia dei genitori della vittima e denunciato due 17enni.
I due adolescenti, residenti nel reggiano, si sono resi responsabili di gravi condotte delittuose. Il ragazzino, addirittura, in una circostanza è stato accerchiato e costretto ad assistere, in un angolo dello spogliatoio di una palestra, alle deprecabili esibizioni di uno dei due. In un’altra circostanza sarebbe stato minacciato di essere picchiato e per questo, terrorizzato, per sfuggire ai due, si è nascosto chiudendosi a chiave all’interno di un armadietto.

Con le pesanti accuse di concorso in violenza sessuale e, per uno dei due indagati anche del reato di minaccia, i carabinieri della stazione di Boretto hanno denunciato alla Procura della Repubblica presso il Tribunale per i minorenni di Bologna 17enni residenti nel reggiano. I due  episodi potrebbero non essere gli unici.

E’ stata la mamma della vittima che, accortasi del malessere del figlio, a riuscire a farsi raccontare cosa gli fosse accaduto per poi sporgere denuncia. I carabinieri di Boretto, che hanno condotto le indagini, sono riusciti dapprima a risalire ai responsabili degli episodi quindi hanno  raccolto una serie di elementi di riscontro in ordine alle loro responsabilità.Ora si intende verificare, non escludendolo, se i due bulli abbiano commesso altre analoghe vessazioni  nei confronti di altri ragazzi che magari, per timori e paure di ripercussioni, non hanno raccontato nulla a casa subendo in silenzio.