Via Turri, clandestino fermato con la droga

Sicurezza in zona stazione: carabinieri intensificano i controlli. Nel mirino dell’arma droga, prostituzione e presenze irregolari

REGGIO EMILIA  – Pusher, prostitute, ladri, vandali e ubriachi “presidiano” in maniera sempre più costante l’area antistante la stazione ferroviaria ricompresa nel quartiere Marconi di Reggio Emilia. Per questo motivo i carabinieri, in linea all’indirizzo dato dal colonnello Antonino Buda, accogliendo le richieste di maggior sicurezza giunte dai residenti del quartiere Marconi, hanno effettuato una serie di controlli in zona.

In campo sono scesi i carabinieri di quartiere supportati dalle autoradio del nucleo radiomobile della compagnia di Reggio e dal personale in abiti borghesi in forza al nucleo operativo della compagnia reggiana. Ci sono state centinaia di controlli su persone, auto, case e locali e i risultati non sono mancati. In via Turri un marocchino clandestino è stato sorpreso con alcune dosi di droga pronte allo spaccio. Al pusher, Mehdi Orch 21enne senza fissa dimora, i carabinieri hanno sequestrato una quindicina di grammi di hascisc suddivisi in cinque dosi e quindi pronte allo spaccio.

Il giovane è stato denunciato alla procura reggiana per detenzione ai fini di spaccio di sostanze stupefacenti e sarà espulso. Al vaglio dei carabinieri reggiani anche la posizione di alcuni appartamenti dove, nel corso dei controlli, sono state trovate delle irregolarità negli affitti. Gli stranieri che occupano le case, infatti, non sono stati in grado di fornire il contratto.