Pd, ecco tutti i sostenitori reggiani di Orlando

Aumentano le adesioni all'appello dei sostenitori di Orlando, candidato alla segreteria del Partito Democratico. Venerdì Anna Finocchiaro a Reggio

REGGIO EMILIA – Aumentano le adesioni alla Mozione Orlando, i cui esponenti reggiani nelle scorse ore hanno lanciato un appello “Per cambiare il Pd” che ha già superato i 150 firmatari, appello che può essere letto e firmato sul sito www.orlandoreggioemilia.com.  Il primo appuntamento ufficiale del gruppo in vista delle primarie del Pd sarà venerdì alle 18,30 quando a Reggio (presso il Let’s Dance di via XX Settembre 1/a) arriverà Anna Finocchiaro.

“La sconfitta referendaria, il crollo degli iscritti, i risultati elettorali, l’allontanamento doloroso di tanti democratici ci fanno concludere che bisogna cambiare rotta – si legge nell’appello di “Reggio Emilia per Orlando” – . Non si può dire ‘va tutto bene’: ci sono tante cose buone fatte ed anche tanti errori. Bisogna rimettere al centro i cittadini – in particolare i più deboli – della nostra azione. E’ necessario riscoprire il compito di ‘democrazia continua’ che la Costituzione affida ai partiti, che non si può esaurire in una domenica di primarie”.

Uno degli obiettivi dichiarati è “unire la gente di centrosinistra”, partendo proprio da livello locale: “Reggio è terra di fondatori dell’Ulivo e della Resistenza. Sappiamo che davanti alle cose importanti non si chiede da dove vieni, ma dove vuoi andare: per cambiare un mondo sempre più affidato all’individualismo, alla solitudine, alla legge del più forte bisogna combattere tutti insieme. Dividersi è fallire. Andrea Orlando è il segretario del PD che ha più chance di tenere insieme il popolo di centrosinistra per vincere la sfida con la storia”.

“Fatti non slide” – I fautori dell’appello indirettamente critico il “Renzismo” affemando di credere “in una politica che è prima di tutto azione concreta, che combatta le posizioni dominanti, le lobby, le incrostazioni del nostro sistema economico, le amicizie che contano. Pensiamo che se devi proiettare una slide a un cittadino per spiegargli che sta bene, non funzionerà”. Non solo: “Bisona combattere il populismo dalle sue radici: dal disagio, dalla paura, dalla solitudine che avvertono i cittadini. E per farlo bisogna occuparsi di lavoro, di diritti, di sanità, di crescita economica, di politiche industriali, di Pace e di Europa. Crediamo nel diritto alla serenità per ogni cittadino”.

Legalità e sicurezza – Altre parole chiave? La prima è “legalità, una cosa di sinistra, perché prima di tutto tutela i più deboli dai violenti. Anche a Reggio Emilia la lotta alle mafie e la sicurezza di tutti i cittadini sono una priorità assoluta. La criminalità “comune” che spaventa i cittadini non li rende alleati nella lotta alla criminalità organizzata”. Per gli “orlandiani” serve una riforma che “permetta alle Forze dell’Ordine di non veder vanificati i propri sforzi nell’arrestare ladri che subito “rimbalzano” in strada. Crediamo ci sia da creare un nuovo clima di fiducia tra istituzioni e cittadini, per combattere insieme la stessa battaglia: la lotta alla corruzione, alle cricche, la battaglia per la trasparenza sono indispensabili”.

“Vere politiche del lavoro” – Capovolgendo il motto dei moschettieri, i firmatari dicono: “segretario decida ascoltando e rappresentando tutti, e tutti saranno con lui. Così, magari, si può anche tornare a vincere per ricostruire l’Italia”. Seguono poi sollecitazioni ad Orlando, come quella di Renzo (“Ho deciso di sostenerti perché sei l’unico che ha ancora in essere le stesse motivazioni per cui 10 anni fa mi sono iscritto al Pd”) o di Lorena, ex-insegnante: “Condivido il.tuo impegno per un Pd che ritrovi unità e identità” o Maurizio (“Mettere al centro la semplificazione e non la banalizzazione nella gestione della cosa pubblica, come strumento per avvicinare le persone ad interessarsi nuovamente della politica”) o Luca, lavoratore dipendente: “Attenzione per i deboli, vere politiche del lavoro, estensione e rafforzamento dei diritti individuali e collettivi”.

Chi c’è: Tra i firmatari si leggono i nomi di patlamentari come Maino Marchi, Antonella Incerti e Paolo Gandolfi; il consigliere regionale Roberta Mori; storici esponenti del centrosinistra reggiano da Raffaele Leoni a Gianni Prati e Ugo Ferrari (ex vicesindaco di Reggio); l’assessore comunale della giunta Vecchi Valeria Montanari e i consiglieri in sala del Tricolore Emilia Davoli, Christian Vergalli e Claudia Aguzzoli; sindaci ed assessori quali Emanuele Cavallaro, Sandro Venturelli, Alessandra Rompianesi, Matteo Nasciuti, Matteo Panari, Sandro Venturelli, Renzo Bergamini e Orio Vergalli, consiglieri comunali e tantissimi “militanti”. Le adesioni si raccolgono all’indirizzo https://orlandoreggioemilia.com/

I firmatari – Alberto Bocedi, Alberto Giovanelli; Alberto Manzotti; Alberto Marastoni; Alda Iori; Alessandra Rompianesi; Alessandro Baracchi; Alessandro Benevelli; Alessandro Ferri; Alessandro Sandrolini; Alessandro Santachiara; Alessia Pedrazzoli; Alex Murgia;  Alfredo Medici; Amedeo Donelli; Anna Bernardi; Anna Salsi; Antonella Incerti; Antonio Bianchi; Antonio Bitonti; Cecilia Anceschi; Chiara Saccani; Chicco Testa; Christian Vergalli; Claudia Cremaschi; Claudia Dana Aguzzoli; Claudio Bonacini; Claudio Bonetta; Claudio Rubiani; Cristina Solustri; Dafne Lugari; Daniele Ganapini; Daniele Zanoni; Danilo Betti; Dario Bottazzi; Davide Beddini; Des Galli; Elena Zurli; Elisa Vivici; Emanuele Cavallaro; Emilia Davoli; Emilia Garuti; Emiliano Ruggi; Emilio Catellani; Erik Sassi; Fabio Montanari; Fabrizio Abbati; Federica Bellei; Federico Franzoni; Federico Massari; Federico Montanari; Francesca Beck; Francesca Chilloni; Francesca Franzoni; Francesca Perlini; Francesco Iuliano; Francesco Nasi; Franco Orrù; Fulvio Costi; Fulvio Violi; Gabriele Gatti; Gian Luca Arcetti; Gianluca Bertolini; Gianluca Cantergiani; Gianna Radighieri; Gianni Fornaciari; Gianni Prati; Giulia Bergamini; Giuliano Lusuardi; Giuseppe Arduca; Giuseppe Catellani; Guido Campioli; Iuri Rosselli; Ivan Turci; Lorena Cerioli; Lorenza Manfredi; Luca Monti; Luigi Montanari; Maino Marchi; Marco Battini; Marco Corradi; Marco Gelsomino; Marco Grassi; Marco Moscardini; Marco Pedrazzoli; Marina Ligabue; Mariuccia Ferrari; Martina Sforacchi; Martina Zecchetti; Marzia Baracchi; Massimo Silingardi; Matteo Caffettani; Matteo Franzoni; Matteo Giovanelli; Matteo Nasciuti; Matteo Panari; Mattia Veneselli; Maurizio Bottazzi; Menozzi Daniele; Michele Lombardi; Milena Saccani Vezzani; Miriam Zanoni; Nando Ganassi; Nuccia Mola; Orio Vergalli; Ornella Basso; Paolo Cervi; Paolo Dallasta; Paolo Gandolfi; Paolo Mori; Raffaele Leoni; Renzo Bergamini; Riccardo Ghidoni; Riccardo Rinaldi; Rita Migliaccio; Roberta Iori; Roberta Mori;  Roberto Sacchelli; Ruggiero Lamantea; Sandro Venturelli; Sandro Mussini; Siddhartha Pandit; Simona Guidetti; Simone Ruffini; Susanna Grossi; Ugo Ferrari; Valeria Montanari; Vincenzo Rossi.