Quantcast

Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

La Merkel alla Casa Bianca: “Proteggere i confini, ma guardare ai rifugiati”

Colloquio in un clima cordiale ma apparentemente freddo. Prima si sono fatti fotografare senza raccogliere le domande dei giornalisti ma limitandosi a ringraziare. La Germania ha minacciato un ricorso presso l'Organizzazione del commercio mondiale (Wto) contro gli Stati Uniti se entrerà in vigore la 'border tax'

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Donald Trump e Angela Merkel: faccia a faccia nello studio Ovale, in un clima cordiale ma apparentemente freddo. Prima si sono fatti fotografare senza raccogliere le domande dei giornalisti ma limitandosi a ringraziare.

Il presidente Usa Donald Trump ha accolto la cancelliera tedesca Angela Merkel sorridendo e con una rapida stretta di mano quando è arrivata alla Casa Bianca ma sembra aver ignorato la richiesta di una stretta di mano ad uso dei fotografi nello studio Ovale. Il tycoon, come si è visto nelle immagini trasmesse dalle tv americane, ha mantenuto le sue mani palmo contro palmo tra le gambe.

“E meglio parlarsi l’uno con l’altro piuttosto che parlare l’uno dell’altro”, ha detto la Cancelliera nel corso della corso della conferenza stampa alla Casa bianca.  “Durante il pranzo di lavoro – ha fatto sapere – parleremo e affronteremo anche il tema del libero commercio”. La Germania ha minacciato un ricorso presso l’Organizzazione del commercio mondiale (Wto) contro gli Stati Uniti se entrerà in vigore la ‘border tax’ promessa dal presidente Usa Donald Trump, in particolare sulle auto prodotte in Messico. Lo ha detto alla radio tedesca la ministra dell’economia Brigitte Zypries, a poche ora dalla visita della cancelliera negli Usa.

Trump è tornato a battere sul tasto della questione immigrazione: “L’immigrazione – ha detto il presidente Usa – e’ un privilegio, non un diritto”. Il presidente Usa Donald Trump ha affermato il suo “forte supporto” alla Nato ma ha ribadito la necessità che gli alleati paghino la loro “giusta quota”.  “Un’America più forte – ha detto ancora – è nell’interesse del mondo intero”. “Non sono un isolazionista”, ha detto ancora Trump, sostenendo di essere per un commercio più equo, che aiuti a riequilibrare il deficit commerciale. “Non so che tipo di stampa lei legga, ma che io sia un isolazionista è una fake news!”, ha detto rivolto alla giornalista tedesca che aveva posto la domanda.

“Dobbiamo proteggere i nostri confini – ha detto sul tema immigrazione la Merkel – ma dobbiamo anche guardare ai rifugiati che fuggono dalle guerre e dalla povertà”.

In agenda, tra l’altro, le relazioni commerciali, la Nato, la lotta al terrorismo, i rapporti con il leader del Cremlino Vladimir Putin e la crisi ucraina. Si tratta del primo banco di prova con la nuova amministrazione americana per un leader Ue (esclusa Theresa May ormai proiettata sulla Brexit) e secondo i media potrebbe dare il ‘la’ ai futuri rapporti tra Washington e l’Unione europea.

Nella sua visita, la Merkel è accompagnata dai numeri uno di tre grandi aziende tedesche, la Siemens, la Bmw e la Schaeffler, produttrice di componenti auto, che parteciperanno ad una tavola rotonda presieduta da Trump con altri dirigenti d’impresa americani.

Ci sarà anche Ivanka Trump alla tavola rotonda alla Casa Bianca sul lavoro e il sistema di formazione, alla presenza del padre, Donald Trump, e della cancelliera tedesca, Angela Merkel. Della delegazione americana, oltre a Ivanka (che non riveste alcun incarico formale nell’amministrazione), faranno parte anche il marito Jared Kushner (consigliere del presidente) e il segretario al commercio, Wilbur Ross. Il mondo imprenditoriale Usa sarà rappresentato dai ceo di Dow Chemical, Ibm e Salesforce, rispettivamente Andrew Liveris, Ginni Romettey e Marc Benioff. Le loro controparti tedesche saranno i ceo di Bmw, Siemens e Schaffler: Harald Kruger, Joe Kaeser e Klaus Rosenfeld.

Più informazioni su