Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Iniziata la Brexit, Juncker: “E’ una scelta che rimpiangeranno”

May: "E' un momento storico, non si torna indietro". L'ambasciatore britannico all'Ue, Tim Barrow, ha consegnato nelle mani del presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, la lettera di notifica dell'articolo 50 del Trattato di Lisbona

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il cammino verso la Brexit è partito. L’ambasciatore britannico all’Ue, Tim Barrow, ha consegnato nelle mani del presidente del Consiglio Europeo, Donald Tusk, la lettera di notifica dell’articolo 50 del Trattato di Lisbona, firmata da Theresa May, che segna l’inizio dell’iter formale di divorzio del Regno Unito da Bruxelles a 44 anni dal suo ingresso nell’allora Comunità economica europea.

La Gran Bretagna si avvia a lasciare l’Ue “secondo la volontà del popolo”, ha detto alla Camera dei Comuni la premier Theresa May, confermando la consegna della lettera di notifica dell’Articolo 50 a Donald Tusk “pochi minuti fa”. “E’ un momento storico, non si torna indietro”.

“I giorni migliori sono davanti a noi, dopo la Brexit”, ha sottolineato la premier britannica. “Ho scelto di credere nella Gran Bretagna”, ha detto ancora nel suo discorso sull’avvio della Brexit, un passo che ha definito “storico” e che ha indicato come “un’opportunità” per il Regno: l’opportunità di essere “più forte, più equo e più unito”. Obiettivo: essere un grande Paese “globale”. “La Gran Bretagna – ha detto ancora – intende garantire al più presto possibile i diritti dei cittadini Ue”.

La Gran Bretagna non farà parte del mercato unico, uscendo dall’Ue. Lo ha confermato Theresa May, sostenendo che si tratta di una opzione “incompatibile con la volontà popolare” manifestata nel referendum sulla Brexit di restituire al Regno il pieno controllo dei suoi confini e della sua sua sovranità. “L’Ue ci ha detto che non possiamo scegliere” cosa tenere e cosa no, e “noi rispettiamo” questo approccio. Ribadita comunque la volontà di una nuova partnership e di rispettare diritti dei lavoratori e valori liberaldemocratici.

La Gran Bretagna non farà parte del mercato unico, uscendo dall’Ue, conferma May sostenendo che si tratta di una opzione “incompatibile con la volontà popolare” manifestata nel referendum sulla Brexit di restituire al Regno il pieno controllo dei suoi confini e della sua sua sovranità. “L’Ue ci ha detto che non possiamo scegliere” cosa tenere e cosa no, e “noi rispettiamo” questo approccio. Ribadita comunque la volontà di una nuova partnership e di rispettare diritti dei lavoratori e valori liberaldemocratici.

Più informazioni su