Quantcast

Furti, i sindaci delle Ceramiche consegnano a Grasso 17mila firme

I cittadini hanno sottoscritto la petizione che chiede la certezza della pena per chi compie furti. I primi cittadini hanno incontrato il presidente del Senato

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Questa mattina al Senato i sindaci Emanuele Cavallaro (Rubiera), Fabrizio Corti (Baiso), Alessio Mammi (Scandiano), Alberto Vaccari (Casalgrande) e Giorgio Zanni (Castellarano) accompagnati dalla senatrice Leana Pignedoli hanno consegnato al Presidente del Senato Pietro Grasso e al Presidente Luigi Zanda le 17.000 firme dei cittadini che hanno sottoscritto la petizione che chiede la certezza della pena per chi compie furti.

“È stata l’occasione per discutere anche con il relatore del ddl in materia di modifiche al codice penale e di procedura penale senatore Giuseppe Cucca, oltre che un momento molto importante per raccontare come le nostre istituzioni locali stanno operando per contrastare questo fenomeno ormai insostenibile – spiegano i sindaci – il civismo che da sempre contraddistingue il nostro territorio va preservato. Il disegno di legge in materia di modifiche al codice penale e di procedura penale che verrà esaminato dall’aula del Senato a partire dalla prossima settimana (come comunicato nel corso della seduta dell’aula cui abbiamo assistito) contiene, infatti, un inasprimento della pena per chi compie furti in abitazione o scippi”.

“Particolarmente rilevante – raccontano i sindaci – è stato l’incontro con il presidente Grasso, che ben ha compreso le nostre ragioni. Essendo stato lui stesso vittima (molti anni fa) di un furto presso la sua abitazione ben sa come ci si sente quando viene invasa l’intimità della propria casa. Certamente è importante incrementare il presidio sul territorio delle forze dell’ordine, ma serve anche tanto lavoro di squadra da parte di tutti, e, naturalmente, pene certe. Chi viene arrestato per un reato del genere non può e non deve rimanere a piede libero, deve scontare la sua pena, ancor più se ha reiterato tali crimini. Per fare ciò servono strumenti che mettano in rete quanto avviene in tutte le regioni del Paese e, certamente, norme ad hoc. L’attenzione del Presidente Grasso su questo tema è massima e ci ha garantito che non mancherà di esercitare ancor più la sua moral suasion in tal senso”.

Più informazioni su