Finto carabiniere deruba anziana

Con un falso tesserino si è fatto apire la porta di casa dal nipotino della donna, poi con la scusa di controlli ha razziato denaro e gioielli

REGGIOLO (Reggio Emilia) – Non ha esitato a farsi beffa di un bambino e della sua nonna: esibendo al piccolo un falso tesserino di riconoscimento si è qualificato come carabiniere per poi, carpita la fiducia dell’anziana, entrare in casa derubare la donna e fuggire a bordo di un’autovettura condotta da un complice.

Un ignobile reato per il quale i carabinieri della stazione di Reggiolo, a parziale conclusione delle indagini, hanno denunciato alla Procura reggiana un 30enne chiamato a rispondere del reato di concorso in furto aggravato.

Secondo la ricostruzione investigativa dei carabinieri reggiolesi, che hanno condotto le indagini, l’uomo, presentatosi presso l’abitazione di una pensionata 66enne, veniva ricevuto da un bambino di 8 anni che, sentito il campanello, andava ad aprire la porta trovandosi uno sconosciuto che. facendogli vedere un tesserino falso da carabiniere e sostenendo di dover effettuare dei controlli, invitava il piccolo a chiamare un adulto.

Sopraggiungeva la nonna che, ingannata dal malvivente, lo faceva entrare in casa per consentirgli di fare pseudo controlli sull’acqua. Durante la permanenza in casa il malvivente, notata nella camera da letto una piccola cassaforte contenente un migliaio di euro e alcuni monili in oro, riferendo dover effettuare dei controlli se ne appropriava uscendo di casa. Veniva quindi notato salire a bordo di un’autovettura condotta da un complice con il quale si dileguava.

A questo punto la donna, capito di essere stata derubata, ha dato l’allarme al 112 che ha inviato sul posto per le constatazioni di legge i carabinieri di Reggiolo. Sulla scorta della descrizione fornita dalla vittima e da altri ulteriori riscontri investigativi, i veri carabinieri sono risaliti al 30enne all’odierno indagato nei cui confronti venivano acquisiti univoci elementi di responsabilità tra i quali il riconoscimento, in apposita seduta di individuazione fotografica, da parte della vittima. Il 30enne veniva quindi denunciato per concorso in furto aggravato. L’identificazione del complice potrebbe venire a breve: i carabinieri stanno indagando sulla cerchia di amici e frequentazioni dell’odierno indagato.