Ottiene i domiciliari, ma non ci va: giovane arrestato

Evasione l’accusa mossa a un 25enne marocchino dai militari che lo hanno fermato dopo10 giorni dalla concessione della misura cautelare che lui non ha rispettato

REGGIO EMILIA – Ottiene i domiciliari ma non ci va, 25enne marocchino trovato e arrestato per evasione dai carabinieri che lo fermano dieci giorni dopo la concessione della misura cautelare che non ha rispettato. Il 25enne era stato arrestato il 23 gennaio a Bologna per un furto aggravato e, grazie alla disponibilità del padre pronto ad accoglierlo a casa, aveva ottenuto i domiciliari nell’abitazione dell’uomo a Reggio che doveva raggiungere libero e senza scorta.

Il 25enne Soufiane Amahfoud a casa del padre non ci è mai andato, dandosi alla macchia. La sua fuga è finita venerdì mattina in via Bacconi a Reggio Emilia dove il giovane è stato fermato dai carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Reggio Emilia che l’hanno arrestato con l’accusa di evasione.

Il giovane la notte del 23 gennaio scorso era stato arrestato dai carabinieri di Bologna, insieme ai due suoi complici, per furto aggravato.  Nel pomeriggio dello stesso giorno, comparso davanti al Tribunale di Bologna per l’udienza di convalida e giudizio direttissimo, il 25enne, grazie anche alla disponibilità del padre ad accoglierlo in casa, aveva ottenuto gli arresti domiciliari con le prescrizioni di non allontanarsi senza autorizzazione e di recarsi libero senza scorta con l’obbligo di percorrere la via più breve e senza soste intermedie.

Ma il 25enne, una volta libero, non ha mai raggiunto l’abitazione del padre dandosi alla macchia.