Interpump, conti record: massimo storico in Borsa

l dato 2016 più eclatante è l'incremento dell'ebitda: +10,1% a 198,5 milioni di euro

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – Il gruppo Interpump ha chiuso il 2016 con un aumento del 3,1% delle vendite nette, pari a 922,8 milioni, rispetto all’anno precedente, un ebitda a 198,5 milioni (+10,1%), un ebit di 153,5 milioni (+12,2%) e un utile netto consolidato di 94,5 milioni che si confronta con i 118,3 milioni di fine 2015 che beneficiavano di proventi finanziari per 32 milioni.

Il free cash flow si attesta a 89,9 milioni (85,2 mln nel 2015). L’indebitamento finanziario netto a fine 2016 registra 257,3 milioni, rispetto a 255 milioni di fine 2015, dopo acquisizioni e acquisti di azioni proprie per 82,9 milioni. Nel solo quarto trimestre le vendite nette sono incrementate del 7,9% a 229,8 milioni e l’utile netto consolidato si attesta a 20,9 milioni, in rialzo del 23,3% rispetto ai 17 milioni dello stesso periodo del 2015.

“Un anno che ha messo a dura prova molte aziende del nostro settore ha visto Interpump crescere ancora – ha commentato il presidente Fulvio Montipo’ – registrando risultati record; il piu’ eclatante e’ l’incremento dell’ebitda, a dimostrazione del valore delle nostre strategie”. Il titolo Interpump  a Piazza Affari ha aggiornato il massimo storico a quota 18,88 euro e ora guadagna lo 0,81% a 18,75 euro

Più informazioni su