Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Caso polizze, Raggi non lascia: “Grillo è con me”

Due polizze vita intestate alla Raggi da Romeo. Lei: "Non ne sapevo nulla, chiedero' che cambi beneficiario". L'ex capo della segreteria: "Solo per stima". La sindaca: "Dimissioni? Ci ho pensato ma abbiamo un grande progetto per Roma"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – All’indomani dell’interrogatorio della sindaca di Roma Virginia Raggi, nell’ambito dell’inchiesta sulla nomina del fratello di Raffaele Marra, ex capo del personale del Campidoglio, che la vede indagata per falso e abuso, spuntano due polizze vita a lei intestate da Salvatore Romeo, ex capo della segreteria politica della sindaca. La prima cittadina: “Non ne sapevo nulla. Mi sento ancora in M5S, niente dimissioni”.  Per la procura al momento non ci sarebbe reato.

Raggi da Mentana su La7
“A Romeo chiederò di cambiare il beneficiario della polizza. Non mi ha avvertito, non averlo saputo è stata una cosa spiacevole. Solo l’idea di questa polizza mi mette ansia”, ha spiegato Raggi a Mentana nel programma Bersaglio Mobile su La7. “È fisiologico fidarsi di persone che si conoscono da tempo. Noi infatti non abbiamo padrini elegami politici”, ha risposto Raggi a Mentana sul perché si fosse fidata di Marra e Romeo.

“Marra mi apriva le porte del Campidoglio”, ha detto la sindaca nell’interrogatorio. “Non posso dire di non averci pensato alle dimissioni. Le difficoltà che abbiamo affrontato in questi mesi avrebbero sfiancato anche un toro. Ma abbiamo un grande progetto per Roma che i romani hanno scelto. Credo meriti rispetto”. “Delle persone che non hanno legami politici, parenti, padrini, entrano in un rapporto umano con delle persone che conosci da molto tempo. Questo è il motivo per cui mi fidai di Romeo. E’ stata la proprietà transitiva. Per avermi presentato Marra, Romeo era molto mortificato, perché nemmeno lui si aspettava una cosa del genere”.

Romeo: polizza a Raggi per stima e amicizia
“Voglio anche chiarire che non c’è stata e non c’è alcuna relazione fra me e Virginia Raggi. Sottolineo che la sindaca così come tutti gli altri beneficiari non erano a conoscenza del mio operato fino a ieri”. Così in un post su Facebook l’ex capo della segreteria politica di Virginia Raggi, Salvatore Romeo. “Ho letto inesattezze che necessitano precisazioni: non avendo moglie né figli, ho indicato fra i beneficiari delle polizze, sempre e solo in caso di mia morte, le persone che più stimo. E fra queste c’è anche Virginia Raggi, indicata come beneficiario – in caso di mia morte – di una polizza da 30mila euro il 26 gennaio 2016, quindi prima che fosse anche solo candidata sindaco della Capitale”. Così in un post su Facebook Salvatore Romeo a proposito delle polizze da lui stipulate a favore della sindaca.

Raggi: su polizza non ho ricevuto soldi
“Non ho ricevuto un solo euro e sto valutando con i miei avvocati di querelare chiunque in queste ore inventi o ipotizzi che io possa aver ricevuto un vantaggio da questa operazione a me ignota totalmente fino a ieri pomeriggio”. Lo scrive la sindaca di Roma Raggi in un post su Fb. “Non sapevo nulla, nè potevo saperlo visto che si tratta di polizze da investimento che non presuppongono la firma del beneficiario e secondo la stessa Procura non costituiscono fatto penalmente rilevante”, aggiunge. Sul sito di Grillo un post di Virginia Raggi:  “Basta gossip. Sono sindaco di una Capitale che deve rinascere”. E il popolo del blog la perdona, tanti attestati di stima.

Polizze sono due, per procura non c’è reato
Sono due le polizze vita stipulate da Salvatore Romeo con beneficiaria, in caso di morte, Virginia Raggi. Una da 30 mila euro stipulata nel gennaio 2016 e priva di scadenza, l’altra da 3000 euro con scadenza 2019. Per gli inquirenti non costituirebbero fatto penalmente rilevante in quanto non emergerebbe un’utilità corruttiva. Si tratta di polizze da investimento che non presuppongo la controfirma del beneficiario.Entrambe le polizze sono state mostrate alla sindaca ieri nel corso dell’interrogatorio. Virginia Raggi, secondo quanto si è appreso, è letteralmente “caduta dalle nuvole”. Le polizze, secondo quanto si è appreso, erano da investimento e per quanto riguarda quella con scadenza, l’importo maturato può essere ritirato solo dall’investitore mentre il beneficiario può entrare in possesso del danaro sono in caso di morte del primo.

Sulle polizze causali fantasiose
“Figlia” e “motivi affettivi”. Queste le causali, ritenute “fantasiose” anche perchè Romeo non ha figli, sulle polizze stipulate da Salvatore Romeo. In una di quelle stipulate a favore di Raggi la dicitura riportata si riferiva a “motivi affettivi”. In tutto Romeo ha investito 130 mila euro in polizze sulla vita, sette con Intesa-San Paolo per 90 mila euro, scegliendo come beneficiari anche altri attivisti M5S e impiegati del Comune di Roma.

Più informazioni su