Cadelbosco, martellate ai videopoker: 4 denunciati

Incastrati dalle immagini del sistema di videosorveglianza del Matai Cafè e del Comune: quattro cinesi trovati dai carabinieri

CADELBOSCO SOPRA (Reggio Emilia) – Sono stati individuati i responsabili del raid vandalico di una decina di giorni fa, al bar Matai Cafè di piazza XXV Aprile a Cadelbosco Sopra, dove cinque cinesi avevano preso a martellate arredi, elettrodomestici e videopoker per una perdita al gioco.

I cinque avevano perso tanti soldi e avevano preteso che la macchinetta fosse spenta in modo tale da non far giocare altre persone. Dopo alcune ore erano tornati al bar e, quando avevano visto il videopoker acceso, avevano devastato il locale.

Con l’accusa di danneggiamento aggravato i carabinieri della stazione di Cadelbosco Sopra hanno denunciato alla Procura reggiana i cittadini cinesi Y.Y. 44enne residente a Padova, G.H. 38enne residente a Mirandola (MO), W.W. 37enne abitante a Reggio Emilia ed L.C. 30enne residente a Castelfiorentino. All’appello manca un quinto cinese la cui identificazione potrebbe essere questione di giorni.

Alla base del raid vandalico quindi la ritorsione nei confronti dell’esercente, “colpevole” di non aver spento il videopoker non impedendo quindi ad altre persone di giocare.