Rapina all’Oviesse, ladro fermato da un dipendente

Arrestato dai carabinieri un 51enne egiziano che stava uscendo con capi di abbigliamento non pagati

REGGIO EMILA – Rapina all’Oviese, ieri pomeriggio, in piazza Scapinelli. Verso le 15 un egiziano 51enne, mentre usciva, è stato invitato a fermarsi e ad aspettare i carabinieri dato che i dipendenti lo avevano visto con alcuni capi d’abbigliamento che non aveva pagato.

L’uomo ha spintonato violentemente l’addetto all’accoglienza clienti e lo ha minacciato di morte senza tuttavia riuscire ad allontanarsi, proprio grazie al dipendente che lo ha bloccato fino all’arrivo dei carabinieri che lo hanno preso in consegna.

I militari hanno appurato che il 51enne aveva delle pinze per staccare i dispositivi antitaccheggio e che indossava una giacca prelevata poco prima dal negozio mentre altra giacca l’aveva messa in una borsina. Sotto i pantaloni ne aveva un altro paio rubati dallo stesso negozio.

Tutti e 3 i capi, del valore di un centinaio di euro, sono stati danneggiati per l’estrazione degli antitaccheggio che sono stati trovati buttati a terra nel negozio. Alla luce dei fatti la refurtiva recuperata veniva restituita al negozio mentre il 51enne egiziano è stato portato in caserma e arrestato con l’accusa di rapina impropria.

Questa mattina il 50ennecomparirà davanti al tribunale per la celebrazione del rito direttissimo.