Donna rapinata da profugo, il Silp Cgil si rammarica: “Solo denunciato”

Il segretario Emanuele Biondi: "Un evento criminoso che, nonostante abbia messo a rischio l’incolumità dei poliziotti intervenuti, si è dovuto concludere con la sola denuncia a piede libero del reo"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – “Un evento criminoso che, nonostante abbia messo a rischio l’incolumità dei poliziotti intervenuti, si è dovuto concludere con la sola denuncia a piede libero del reo”. Lo scrive il segretario del Silp Cgil, Emanuele Biondi, a proposito dell’extracomunitario di 26 anni che domenica scorsa ha picchiato e rapinato una donna nel sottopasso della stazione e che poi è stato fermato denunciato.

Aggiunge Biondi: “La ghettizzazione e il degrado che si sta diffondendo pian piano nelle zone della stazione storica, i parchi, i parcheggi ed alcune zone del centro, sono diventati il pericoloso scenario all’interno del quale i nostri colleghi delle Volanti della Polizia di Stato di Reggio Emilia sono costretti a lavorare tutti i giorni. Lavoratori instancabili, ligi al dovere, impavidi, che fanno diventare la Pantera il simbolo della protezione e della sicurezza, mettendo a rischio la loro vita, lavorando in sottorganico e con mezzi poco efficienti. Condizioni che non hanno spaventato domenica scorsa i colleghi dell’Ufficio Prevenzione Generale e Soccorso Pubblico della Questura, che in perfetta sinergia con gli addetti al 113 e alla Polizia Ferroviaria, sono riusciti ad arrestare l’immigrato”.

Continua il Silp: “Un evento criminoso che, nonostante abbia messo a rischio l’incolumità dei poliziotti intervenuti, si è dovuto concludere con la sola denuncia a piede libero del reo. Il Silp CGIL di Reggio Emilia vuole ringraziare i colleghi delle Volanti per il loro significativo contributo, augurandosi di continuare a vedere la dedizione e la passione che i poliziotti di Reggio Emilia hanno per la professione.  Inoltre sottolinea l’importanza di una stretta collaborazione tra le forze dell’ordine e le autorità locali, finalizzata alla lotta ed alla prevenzione di episodi criminosi che sempre più di frequente si stanno verificando nella nostra città”.

Più informazioni su