Le rubriche di Reggiosera.it - Italia e mondo

Stoccolma, la consegna dei Nobel: standing ovation per Dylan

Patti Smith, commossa, canta un suo brano. L'amica del musicista ha intonato 'A hard rain's a-gonna fall' ma ha dovuto riprendere l'interpretazione e scusandosi con il pubblico ha detto: "sono molto nervosa"

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – A Stoccolma la consegna dei premi Nobel. Bob Dylan, tra gli assegnatari del premio e al centro delle polemiche per aver snobbato il riconoscimento negli ultimi mesi, non è presente ed è stato sostituito da Patti Smith che ha cantato Hard Rain. C’è stata anche una standing ovation per Bob Dylan nel teatro a Stoccolma. Nonostante il cantautore non fosse presente, ha ricevuto una valanga di elogi nella citazione per il premio per la Letteratura attribuito per la sua poesia in musica. Uno per tutti: “Era come l’Oracolo di Delfi che legge le evening news”. Dylan invia discorso, Patti Smith canta per lui.

È stata l’amica Patti Smith, profondamente emozionata, a presenziare alla cerimonia della consegna del Nobel per la letteratura a Bob Dylan, dopo l’annuncio che il musicista avrebbe mandato un discorso ma non sarebbe potuto essere presente alla cerimonia “per precedenti impegni”. La cantante americana ha intonato A hard rain’s a-gonna fall, il brano scritto da Dylan nel 1962 considerato da molti critici musicali un capolavoro della musica folk e che in periodi diversi è stato letto come un appello contro la crisi dei missili di Cuba o contro il pericolo nucleare (interpretazioni sempre rinnegate da Dylan “è solo una forte pioggia”). La musicista a metà dell’interpretazione si è interrotta, ha chiesto scusa al pubblico e ha detto “sono molto nervosa” e poi ha concluso l’interpretazione tra gli applausi e l’emozione degli intervenuti.

Più informazioni su