Rapine a scuola, premiati i carabinieri che catturarono la banda di bulli

Nel 2015 terrorizzarono decine di giovani appostandosi all’uscita di numerosi plessi scolastici, circondandoli e rapinandoli. Oggi la premiazione dei tre militari che si occuparono della vicenda

REGGIO EMILIA – Sono stati premiati questa mattina, al comando provinciale dei carabinieri, i tre militari che, in seguito a complesse e delicate indagini, nel 2015 misero fine all’incubo di numerosi giovani studenti che per mesi vissero nella paura di incontrare quella che ormai era per loro diventata la baby gang delle rapine.

Il colonnello Antonino Buda ha infatti personalmente consegnato al maresciallo Giuseppe Milano (in servizio presso il Nucleo Investigativo di Reggio Emilia), al brigadiere Paolo Cattani e al vice brigadiere Nestore Ubaldi (entrambi in servizio presso l’aliquota operativa della compagnia di Reggio) un attestato di “encomio” rilasciato direttamente dal comandante della legione carabinieri Emilia Romagna a testimonianza della meritoria attività svolta dai militari reggiani.

Le indagini accertarono come i bulli si divertissero a sbeffeggiare le proprie vittime, dopo averle pedinate e rapinate di cellulari, portafogli e vestiti ed in pochi mesi avevano disseminato il terrore in decine e decine di studenti, a tal punto che molti di essi, per timore di incontrarli, avevano iniziato a manifestare ritrosia nel frequentare la scuola. Alcuni componenti della baby gang inoltre, poi arrestati dai carabinieri, erano soliti ostentare i “propri trofei” direttamente sui social network, con successiva pubblica umiliazione delle vittime.

Sistematica l’organizzazione delle rapine: sopralluogo in prossimità dei sottopassi, suddivisione dei ruoli, accurata scelte della vittima, generalmente studenti minorenni isolati dal gruppo, e compimento della rapina. A scoprire le “malafatte” dei bulli rapinatori furono i carabinieri dell’aliquota operativa della compagnia di Reggio insieme ai militari di Santa Croce, che per mesi condussero le complesse indagini arrivando ad identificare, anche grazie all’esame dei social network, tutti i componenti della banda risultati essere quasi tutti minorenni ed in prevalenza italiani, residenti in città.

La procura della Repubblica presso il tribunale per i Minorenni, condividendo con le risultanze investigative dei carabinieri, richiese ed ottenne dal Gip provvedimenti restrittivi di natura cautelare vennero quindi immediatamente seguiti dai militari, mettendo così fine all’incubo che per mesi aveva pervaso le aule di diverse scuole del comune reggiano. Le indagini presero spunto dall’acquisizione dei filmati di videosorveglianza cittadini proprio in corrispondenza di una della rapina denunciate.

Le precise modalità di commissione del reato portarono i carabinieri a ritenere che si trattasse di una banda organizzata e precisa nella commissione dei colpi e per questo ritenendo che ogni rapina fosse stata preceduta da un sopralluogo da parte degli autori, i carabinieri iniziarono  a scandagliare in maniera quasi radiografica tutti i soggetti controllati in quei luoghi nei giorni precedenti la rapina. Tra questi le attenzioni si collocarono su uno dei minori poi arrestati monitorando altresì dopo attente ricerche sui social il proprio profilo facebook, i relativi contatti, interessi ed amicizie. Fu proprio a questo punto che tra i vari “amici di facebook” venne rintracciato un soggetto che proprio il giorno della rapina aveva pubblicato una foto con indosso i medesimi indumenti ripresi dal sistema di videosorveglianza. Da qui il passo fu celere veloce, e le indagini presero piede identificando tutti gli altri componenti.

Il colonnello Buda premia il brigadiere Cattani

Il colonnello Buda premia il brigadiere Paolo Cattani

Attraverso il coordinamento della procura della Repubblica e delle perquisizioni domiciliari eseguite su delega della stessa i carabinieri recuperarono parte della refurtiva nonché gli stessi indumenti utilizzati durante le rapine e ripresi dal sistema di videosorveglianza. Ma è al momento dell’individuazione fotografica degli autori da parte di una delle vittime che emerse il colpo di scena. La vittima infatti rivedendo il filmato della rapina riconobbe gli autori del reato ma non si identificò nel soggetto rapinato, quest’ultimo rimasto ignoto; del resto la sua rapina era stata computa 5 minuti dopo e 50 metri più avanti, in un raggio d’azione non coperto dalla videosorveglianza.

Una coincidenza fortunata, per gli investigatori e non di certo per i giovani bulli, grazie alla quale le indagini hanno potuto portare all’individuazione dei reali e veri rapinatori. Una coincidenza comunque che ha portato i militari dell’Arma a considerare la concreta possibilità che oltre ai colpi scoperti ve ne siano stati molti altri che per paura di ritorsioni le giovani vittime decisero di non denunciare.