Gli insoluti calano per il quarto anno

Il trend è determinato sia dalla flessione registrata sia dalle cambiali protestate (tre quarti del totale insoluti) che dagli assegni

REGGIO EMILIA –  Tre assegni il cui importo complessivo (1.185.540 euro) rappresenta, da solo, un terzo dell’intero valore degli assegni cabriolet della provincia di Reggio Emilia; un valore medio delle cambiali protestate di poco inferiore ai 900 euro; un calo, per il quarto anno consecutivo, sia del numero che dell’importo totale degli insoluti provinciali. Sono questi alcuni degli aspetti che emergono dall’analisi effettuata dall’Ufficio Studi della Camera di Commercio sui dati del Registro Informatico dei Protesti.

Trend in flessione, quindi, quello registrato dai protesti nei primi undici mesi del 2016 nella nostra provincia rispetto allo stesso periodo dell’anno passato. E’ infatti diminuito del 16,3%, raggiungendo quota 3.217, il numero di titoli esecutivi (cambiali-pagherò e assegni) e contemporaneamente è calato anche il valore complessivo, che in un anno è sceso da quasi 7 milioni a poco più di 5,6 milioni di euro, con una variazione pari al -18,8%.

A determinare questo andamento è stata, in egual misura, la flessione registrata sia dalle cambiali protestate – che rappresentano i tre quarti del totale insoluti – che dagli assegni. Il numero dei pagherò (che comprendono cambiali e tratte accettate) passa da 2.860 del gennaio-novembre 2015 a 2.379 dello stesso periodo dell’anno in corso, con un calo del 16,8%; analoga la flessione registrata per il valore (-16,9%) che è sceso a poco più di 2,1 milioni di euro.
Relativamente agli assegni, a fronte di una diminuzione del 14,9% nella consistenza (da 985 a 838) si registra un decremento del 19,9% nel valore, che passa così da oltre 4,4 milioni di euro dei primi undici mesi dell’anno passato a poco più di 3,5 milioni del 2016. Il maggior calo del valore degli assegni rispetto alla flessione del numero, ne ha fatto scendere il valore medio da 4.492 a 4.229 euro.