Boretto, pesta a sangue la moglie davanti ai figli: arrestato

La donna ricoverata in ospedale ne avrà per 45 giorni: nella schiena della donna i carabinieri, a riprova della violenza, fotografano l’impronta del sandalo lasciata sulla pelle

BORETTO (Reggio Emilia) – Pesta brutalmente la moglie davanti ai figli minori, operaio 42enne di Boretto arrestato dai carabinieri. La donna ricoverata in ospedale ne avrà per 45 giorni: nella schiena della donna i carabinieri, a riprova della violenza, hanno fotografato l’impronta di un sandalo lasciata sulla pelle.

Quando sono arrivati i carabinieri di Boretto l’hanno trovata per strada che allattava il figlioletto, in lacrime e tremolante, non solo per le rigide temperature della notte ma per quanto le era accaduto poco prima. Come accertato poi dai carabinieri, infatti, la donna era stata brutalmente pestata davanti ai figli minori dal marito che le aveva causato la frattura di una costola e della clavicola oltre alle evidenti ecchimosi nel volto in seguito ai pugni e agli schiaffi ricevuti.

Il motivo del pestaggio era dovuta al fatto che la donna aveva rimproverato al marito di essere poco presente in casa. Dopo aver gonfiato la faccia della moglie a schiaffi e pugni, l’ha gettata a terra prendendola a calci alla schiena tanto da lasciarle l’impronta del sandalo sulla pelle.

Quando è stata raggiunta dai militari la donna era in compagnia degli altri figli minori e del fratello giunto in suo soccorso. Dopo aver assicurato i soccorsi alla donna, che portata in ospedale è stata ricoverata con una prima prognosi di 45 giorni, i carabinieri hanno raggiunto a casa il marito, un operaio 42enne di Boretto che è finito in manette con l’accusa di lesioni personali gravi.

Le indagini ora proseguono per accertare se, come si sospetta, l’episodio sia l’ultimo di una lunga serie: circostanza questa che vedrebbe aggravare la posizione dell’uomo che potrebbe essere chiamato a rispondere del più grave reato di maltrattamenti in famiglia.