Piena del Po, il colmo atteso a Boretto lunedì mattina

Attesi tra i 7,50 e gli 8,20 metri, da domani Unità di crisi al Cup della Provincia. Il ponte per Viadana e la strada arginale verranno chiusi al raggiungimento di quota 7,50 metri. I provvedimenti a Luzzara e Guastalla

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – E’ previsto per lunedì mattina il transito in territorio reggiano del colmo della piena del Po originata dall’ondata di maltempo che si è abbattuta nelle scorse ore sul Piemonte. E’ quanto emerso in base alle stime di Aipo questa mattina in prefettura, dove si è già messa in moto l’ormai rodata macchina del sistema di Protezione civile che coinvolge istituzioni e forze dell’ordine.

“Anche in questa occasione la Provincia di Reggio Emilia darà il proprio supporto al prefetto e ai sindaci nel fronteggiare ogni eventuale emergenza e proprio nel nostro Centro unificato provinciale di Protezione civile in via del Chionso  domani mattina verrà allestita l’Unità di crisi”, spiega il presidente Giammaria Manghi sottolineando come “questa piena, in base alle stime di Aipo, non dovrebbe essere paragonabile a quella del 2014 e tanto più a quella del 2000”.

Il livello di colmo previsto all’idrometro di Boretto per lunedì mattina è infatti compreso tra i 7,50 e gli 8,20 metri. “Come Provincia siamo già  attivati per predisporre l’eventuale chiusura a tutti i mezzi del ponte tra Boretto e Viadana e della strada arginale (Sp 62R e Sp 2) da Brescello a Luzzara al raggiungimento dei 7,50 metri”, aggiunge il presidente Manghi.

Con l’eventuale chiusura del ponte e della strada arginale, i collegamenti tra il Reggiano e il Mantovano saranno comunque garantiti attraverso il ponte di Guastalla-Dosolo sulla Sp 35, quelli tra il Reggiano e il Parmense attraverso il ponte sull’Enza a Sorbolo. Si ricorda che il ponte Guastalla-Dosolo è raggiungibile dalla Variante Cispadana (uscita di San Giacomo) percorrendo via Sacco e Vanzetti: la stessa Cispadana garantirà anche i collegamenti tra tutti i cinque comuni rivieraschi.

Per info in tempo reale sulla piena del Po e sulla viabilità è possibile consultare il profilo Twitter  @ProvinciadiRE della Provincia di Reggio Emilia.

La piena del Po nel 2014 (al centro il presidente della Provincia, Giammaria Manghi)

La piena del Po nel 2014 (al centro il presidente della Provincia, Giammaria Manghi)

Situazione a Luzzara
Scrive il sindaco Andrea Costa su Facebook: “Ci si aspetta un massimo di 8 metri a Boretto, che significa un massimo tra gli 8,5 e i 9 metri a Luzzara. La piena dovrebbe arrivare tra la tarda mattina di lunedì e il pomeriggio dello stesso giorno. Cosa significano 8,5/9 metri a Luzzara? Significano una piena simile ma leggermente meno importante di quella dell’autunno 2014. Se si dovesse fermare sotto i livelli del 2014 i tratti di golena chiusa (cioè quelle zone di campagna comprese tra l’argine maestro e gli arginelli consortili) resteranno asciutti. Siamo comunque obbligati, per precauzione, ad evacuare il Fogarino: la Polizia municipale sta contattando proprio ora le persone interessate e domani mattina notificheremo apposita ordinanza. E’ chiuso il transito lungo viale Zavattini (ex viale Po) perché l’acqua nelle prossime ore arriverà progressivamente a coprire la strada. Per quanto alle previsioni si tratta di una piena assolutamente non preoccupante anche se dovrà essere monitorata”.

Situazione a Guastalla
Comunica su Facebook il sindaco Camilla Verona: “Si attende il colmo di piena nella tarda mattinata di lunedì, pertanto dalle 9  di domani, domenica, verrà attivato il Centro Operativo Comunale, nella sede del Comune in Via Castagnoli, 7. Gli Amministratori, i tecnici comunali, la Polizia Municipale, la Protezione Civile e tutte le istituzioni interessate, sono in costante collegamento per fronteggiare in modo adeguato l’evento di piena atteso. Abbiamo dovuto chiudere la passerella ciclo-pedonale del Crostolo, il parcheggio Viale Lido Po, la ciclo-pedonale di Luzzara, via Baita (tratto guado). Da domani mattina sarà interdetta la circolazione anche di Viale Po (dalla rotonda dei bambini in ferro)”.

Più informazioni su