Park Vittoria, esposto della Lega alla Corte dei Conti

Vinci: "La nuova piazza non compensa la cessione della superficie per 90 anni". La Guatteri: "Il Comune non risponde alle nostre domande"

REGGIO EMILIA – Lega Nord e Movimento 5 stelle ”rovinano” la festa a piazza della Vittoria che domani, dopo tre anni di lavori di riqualificazione, sara’ di nuovo fruibile dai cittadini. Non cosi’ invece il contestatissimo parcheggio interrato sottostante, su cui il Carroccio ha presentato oggi contro il Comune di Reggio un esposto alla Procura regionale della Corte dei Conti.

L’atto e’ firmato dal segretario cittadino della Lega, Roberto Monti, e da un cittadino, Davide Curti, e mira in sostanza a far valutare ad un organo terzo “se la ripavimentazione di una piazza costituisce una equa contropartita alla cessione gratuita ad un privato del sottosuolo per la durata di 90 anni in pieno centro storico, tenendo presente anche i tre anni di disagi subiti dai cittadini durante i lavori di realizzazione del parcheggio privato”.

L’esposto ricorda infatti che il Comune nel 2011 ha ceduto gratuitamente con atto notarile alla societa’ Reggio Emilia Parcheggi Spa il diritto di superficie di piazza della Vittoria, nel caso di specie del sottosuolo, per la realizzazione di tre piani di parcheggio interrato, dei quali solo uno ad uso privato e due a turnazione. In seguito ad una modifica del progetto, pero’, i piani si sono ridotti a due, la turnazione e’ stata eliminata del tutto ed il parcheggio, spiega il segretario della Lega nord Emilia e consigliere comunale Gianluca Vinci, “rimarra’ interamente privato”.

Quindi “solo chi avra’ il denaro per potersi comprare un box o chi avra’ parenti ed amici proprietari, potra’ accedere al parcheggio sotterraneo: uno schiaffo in faccia a tutti i reggiani che si aspettavano in contropartita della cessione gratuita del diritto di superficie un’utilita’ pubblica”.

Alla fine, “l’unica utilita’ sara’ la pavimentazione del tetto del parcheggio, cioe’ piazza della Vittoria”, tira le somme Vinci. La Lega Nord, che per decenni ha lottato per la realizzazione di un parcheggio pubblico sotterraneo in centro storico che agevolasse la fruibilita’ dell’esagono ai residenti ed ai negozianti, ritiene “questo fatto gravissimo e l’inaugurazione della piazza una presa in giro per tutti i reggiani”. Per cui, conclude Vinci, “c’e’ ben poco da inaugurare ed ancor meno da festeggiare”.

A meno di 24 ore dall’inaugurazione della piazza, denuncia invece la consigliera del Movimento 5 stelle Alessandra Guatteri: “Non siamo riusciti ad avere risposta ad alcune fondamentali domande che riguardano quello che c’e’ sotto la piazza”. In particolare, con due accessi agli atti presentati lo scorso 7 novembre, Guatteri ha domandato il certificato di collaudo dei box che sulla base del contratto di mutuo con le banche doveva essere ottenuto entro il 31 ottobre e di conoscere la situazione della gestione e l’ammontare delle entrate derivanti dal vicino Parcheggio Zucchi. Le risposte, ha preannunciato l’ufficio competente del Comune, arriveranno il 12 dicembre. “Evidentemente – commenta la consigliera – le scadenze amministrative cui e’ soggetto l’ufficio che mi deve dare le risposte (che e’ sempre lo stesso) sono veramente incalzanti, cosi’ incalzanti che semplici e lecite domande poste da chi rappresenta i cittadini continuano a rimanere senza risposta”.