Migranti, ira della Lega contro cittadino che li accoglie a Minozzo

Il consigliere regionale Delmonte: "Il sindaco rallenti l'iter o si rischia una nuova Gorino"

Più informazioni su

VENTASSO (Reggio Emilia) – “Se il sindaco vuole evitare che Minozzo, (frazione di Villa Minozzo in provincia di Reggio Emilia) si trasformi in una nuova Gorino, condivida le decisioni con i cittadini e non faccia piombare le scelte sulle loro teste come se il loro parere non contasse nulla. Cosi’ non e’ e cosi’ non deve essere”.

Gabriele Delmonte, vicecapogruppo della Lega Nord in Regione interviene cosi’ su quanto sta accadendo relativamente ai migranti nel Comune dell’appennino reggiano, dove a breve quattro “presunti” profughi verranno ospitati nell’appartamento messo a disposizione da un privato nel centro cittadino.

“Sono gia’ moltissime le segnalazioni in merito che ho ricevuto da diversi residenti. Per questo – prosegue l’esponente del Carroccio – invito il sindaco a rallentare l’iter di arrivo dei profughi e a incontrare la cittadinanza per condividere con loro  quello chi si vuole fare. Non e’ possibile pensare di calare dall’alto decisioni di questo genere in realta’ piccole come quella di Villa Minozzo dove tutti si conoscono e dove la routine quotidiana rischia di essere stravolta dall’arrivo di queste persone”.

Conclude dunque Delmonte: “Non voglio entrare nel merito delle scelte di un privato cittadino e tanto meno ritornare a dire quello che pensiamo noi di questa accoglienza forzosa. Mi limito a guardare all’aspetto pratico della questione. I cittadini hanno gia’ detto il loro ”no”. Non aspettiamo le barricate per affrontare il problema. Sarebbe quantomeno sciocco”, conclude Delmonte.

Più informazioni su