Culture e cooperazione, l’esperienza di Cir e Greslab

La cooperazione, tra cui alcune eccellenze reggiane, è stata al centro del convegno internazionale “Universities for a world without borders”, che si è svolto nei giorni scorsi a Parma

Più informazioni su

REGGIO EMILIA – La cooperazione, tra cui alcune eccellenze reggiane, è stata al centro del convegno internazionale “Universities for a world without borders”, che si è svolto nei giorni scorsi a Parma.

Si è infatti svolto all’Università di Parma un grande evento che ha riunito per la prima volta in Italia i Rettori delle 72 università brasiliane che fanno parte del Gruppo Coimbra, che ha visto l’incontro con i Rettori italiani e con la Ministra dell’Istruzione, dell’Università e della Ricerca Stefania Giannini. In questa occasione è intervenuto anche il presidente nazionale di Legacoop Mauro Lusetti e Patrizio Bianchi, Assessore a Scuola, Università e Lavoro della Regione Emilia-Romagna.

Questa iniziativa ha visto il sostegno e la partecipazione attiva del movimento cooperativo con Coopfond – Fondo Mutualistico di Legacoop, Fondazione Ivano Barberini, Legacoop Emilia-Romagna, Legacoop Emilia Ovest. Una giornata è stata dedicata al movimento cooperativo oggi. In particolare sono presentate alcune eccellenze cooperative, tra cui le reggiane Cir Food e Greslab, quest’ultima costituita dai lavoratori di una ceramica fallita.

In due giornate di lavoro si è svolto l’8° Seminario internazionale, attraverso tavole rotonde e sessioni plenarie e parallele e il coinvolgimento di esperti e autorità dell’Istruzione Superiore provenienti da tutto il mondo. Nel corso del seminario si è parlato di ricerca ad alto impatto nei cinque continenti, internazionalizzazione e politiche linguistiche, internazionalizzazione creativa in contesti critici, università e rapporti con i paesi dell’area Brics.

Una giornata è stata dedicata allo sviluppo del modello cooperativo italiano e della sua possibile esportazione in altri sistemi economici, particolarmente quelli dell’area Brics. L’incontro è realizzato infatti anche grazie al significativo contributo di Legacoop e dei suoi vari istituti di ricerca e finanziari. Si è approfondito, in una sessione plenaria e in tre sessioni parallele, il focus su diversi modelli cooperativi nel mondo e i rapporti fra mondo cooperativo e università. È intervenuta, tra gli altri, l’assessore all’Agricoltura della Regione Emilia-Romagna Simona Caselli.

Più informazioni su