Campagnola, furto in pizzeria: arrestato

Furto aggravato l’accusa mossa a un 40enne siciliano dai carabinieri che hanno recuperato la refurtiva

Più informazioni su

CAMPAGNOLA (Reggio Emilia) – Mentre era intento a svuotare la cassa notando l’ingresso di una persona con modo garbato è gentile ha detto: “Spiacente ma siamo chiusi”. È successo ieri verso le 13,30 in una pizzeria di Campagnola.

L’uomo entrato non era però un cliente ma il proprietario della pizzeria che ha beccato in flagranza il ladro mentre rubava. Quest’ultimo quando ha capito di trovarsi davanti la vittima, dopo aver arraffato il fondo cassa e un computer portatile, è fuggito. Inseguito dal proprietario e da altri cittadini è riuscito a far perdere le sue tracce.

Quindi l’allarme al 112 che ha mandato sul posto una pattuglia dei carabinieri di Campagnola. Questi, grazie anche a un agente della Polizia Municipale che aveva notato il ladro salire su un furgone e alle telecamere del sistema di videosorveglianza, sono risaliti alla targa del mezzo ed al proprietario del mezzo che è risultato estraneo ai fatti.

Il furgone era infatti in uso a un dipendente che, durante la pausa pranzo, aveva compiuto il furto. Rintracciato dai carabinieri l’uomo, che ha spontaneamente consegnato quanto rubato, è finito in manette.

Con l’accusa di furto aggravato i carabinieri della stazione di Campagnola hanno quindi arrestato un operaio 40enne siciliano residente a Correggio.

Domattina comparirà davanti al Tribunale per rispondere delle accuse a lui contestate. La refurtiva, consegnata spontaneamente dal ladro che l’aveva nascosta in un garage, è stata quindi restituita al pizzaiolo derubato.

Più informazioni su