Quantcast

Buda: “Sicurezza, stare vicino ai cittadini”

Il comandante provinciale alla festa della Virgo Fidelis ha sottolineato l'importanza dell’attività di prossimità: "Vi ho dato il massimo impulso". La collaborazione con la chiesa contro le truffe agli anziani

REGGIO EMILIA – Ricollegandosi alle parole del Vescovo Mons. Massimo Camisasca, che durante l’omelia ha ringraziato i carabinieri reggiani per l’attività svolta accennando anche la scesa in campo della chiesa impegnata con i carabinieri in un intensa attività preventiva per far fronte all’emergenza truffe agli anziani, il comandante provinciale Antonino Buda nel porgere i saluti ed i ringraziamenti ai presenti ha sottolineato l’importanza del servizio di prossimità assicurando la dovuta vicinanza ai cittadini. “I carabinieri devono ascoltare i cittadini ed essergli vicini in qualsiasi circostanza. Per questo è importante l’attività di prossimità a cui ho dato il massimo impulso perché ritengo prioritaria la vicinanza ai cittadini”.

Queste le parole del Colonnello Buda a margine della cerimonia svoltasi questa mattina all’interno della Basilica della Ghiaria che ha visto i Carabinieri della Provincia di Reggio Emilia celebrare la ricorrenza della loro patrona la “Virgo Fidelis”, coincidente anche con la giornata dell’orfano e con il 75° anniversario dell’eroica a battaglia di Culqualber. Celebrazione svoltasi attraverso una solenne messa officiata dal Vescovo e accompagnata dal Coro della Basilica della Ghiara e dal Coro Harmony diretti dal maestro Luciana Contin e con la partecipazione del baritono reggiano Franco Montorsi.

Alla cerimonia religiosa hanno presenziato tutte le Autorità civili e militari della provincia, numerosi carabinieri in servizio e una folta rappresentanza di carabinieri con i familiari.

La giornata della celebrazione è concomitante anche alla “giornata dell’orfano”. Ed e’ proprio ai tanti orfani anche figli di Carabinieri deceduti, tra cui quelli del sacrifico di Nassiriya.