Quantcast

Kurdistan iracheno, una delegazione a Reggio

Da giovedì 27 a sabato 29 ottobre su invito dell’Anpi provinciale e del Comune di Ventasso

REGGIO EMILIA – Mentre i combattenti curdi peshmerga combattono in prima linea contro i tagliagole del cosiddetto “stato islamico” una delegazione della popolazione del Kurdistan iracheno sarà a Reggio Emilia da giovedì 27 a sabato 29 ottobre su invito dell’Anpi provinciale e del Comune di Ventasso.

La delegazione è composta da Gulala Salih rappresentante di Kurdistan Save The Children in Italia, da Noaman  Abdulrahman Ali  program manager dell’associazione kurdistan Save the Children, dal parlamentare Areaz  Abdullah Ahmed, dal governatore della città di Docan Aso Bakir Mustafa e dalla giornalista Ala Latif Abdulkarem.

Ricco il programma della tre giorni. Si inizia giovedì alle 14.30 con la visita al museo Cervi e alla biblioteca Sereni. Successivamente la delegazione incontrerà la segreteria dell’Anpi e alcuni partigiani reggiani. Nella serata di giovedì a partire dalle 20.30 al circolo “Catomes Tot” è in è programma un’iniziativa pubblica sulla situazione del Kurdistan.

Numerosi gli incontri in calendario nella giornata di venerdì quando la delegazione curda visiterà tra l’altro la azienda “Sabar” che si occupa del ciclo dei rifiuti e la cooperativa agricola “Cila”. Nella stessa giornata la delegazione visiterà il Centro Internazionale Malaguzzi e Reggio Children, la sala Tricolore e il museo del Tricolore. In municipio la delegazione incontrerà il sindaco Luca Vecchi, l’assessore alla città internazionale Serena Foracchia e i gruppi consiliari.

La delegazione chiuderà la tre giorni reggiana con l’incontro, sabato, con il sindaco e la giunta del comune di Ventasso. A Ramiseto, alle ore 10, sarà firmato il patto di amicizia tra il comune del nostro appennino e il comune di Docan. La mattinata si concluderà con un incontro con i partigiani della montagna guidati da Giacomo Notari. Nel pomeriggio è prevista la visita alla latteria sociale “il Parco” e alla cooperativa “la Valle dei Cavallieri”).