Guastalla, massacra di botte il padre mentre dorme

Il 28enne aveva mal di denti e non sopportava che il padre dormisse. L'uomo è stato ricoverato all'ospedale con fratture varie. Il giovane è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia

Più informazioni su

GUASTALLA (Reggio Emilia) – Un 28enne disoccupato di Guastalla è stato denunciato per maltrattamenti in famiglia dopo che aveva picchiato il padre non sopportando il fatto che il genitore dormisse tranquillamente mentre lui aveva un tremendo mal di denti. E così ha raggiunto il padre nella camera da letto dove dormiva picchiandolo con pugni e calci.

L’uomo riuscito a riprendersi dalla furia del figlio, seppur malfermo, è fuggito su una bicicletta e ha raggiunto l’ospedale dove è stato soccorso e ricoverato per le fratture al costato riportate a seguito dell’aggressione. Nella colluttazione ha perso anche i pochi denti che ancora aveva. E pensare che proprio il papà, un 60enne residente a Guastalla, quattro anni fa aveva accolto il figlio in casa perché il 28enne era senza lavoro e quindi nelle condizioni dì non potersi permettere una abitazione.

Negli ultimi due anni, però, la convivenza si era rivelata difficile: ad ogni litigio il figlio manifestava comportamenti violenti, prima rompendo stoviglie, elettrodomestici e mobili e poi anche verso il padre che minacciava e prendeva a schiaffi. Il papà ha sempre cercato di tollerare la condotta violenta del figlio e non lo ha mai denunciato.

 

Più informazioni su